sabato 26 giugno 2010

Come buttare i soldi guadagnati cn l'evasione fiscale

http://testedicalcio.blogosfere.it/images/sudafrica2010-x.jpg

Premetto che dell'eliminazione italiana dai mondiali di calcio me ne frega quanto quella dai mondiali di badminton, softball, ping pong e tiro con l'arco. Però per qualcuno son davvero dispiaciuto: quelli he son partiti dall'italietta spendendo uno stipendio per andare a vedere i miliardari in pantaloncini alla conquista del continente nero. Migliaia di italioti che hanno speso tutto sperando di celebrare i campioni del mondo nuovamente campioni. Magari non tutti lo speravano ma almeno superare il girone si, era scontato come scivolare su una buccia di banana. Invece hanno assistito al peggior 'spettacolo' che l'Italia calcistica abbia mai partorito sui manti erbosi nella manifestazione più importante.

Nessuno li rimborserà del viaggio, del soggiorno, del biglietto, ecc. D'altronde statisticamente, ad andavano incontro a un rischio tutt'altro che incalcolabile: è la legge dei grandi numeri. Tipo il numero di imprecazioni e bestemmie quando gli azzurri (sbiaditi, quasi turchesi) hanno subito un gol da fallo laterale, una roba degna dei film di Kubrick. Oppure quando è stato annullato il gol di Quagliarella (sembra il nome di un personaggio impersonato da Totò, tipo l'ingegner Quagliarella) per un fuorigioco millimetrico. Ho sentito dire dall'ex arbitro Tombolini che lì è mancato il peso della federazione. "A Brasile o Argentina non lo avrebbero annullato". Forse è vero ma si sa che noi italiani non siamo tipi da federazione, quella è una cosa politica, per cui la regola si chiama figura di merda. Ad ogni modo, il tifoso sugli spalti in quei momenti non avrà pensato certo alla federazione.

E poi cosa si può pretendere da una federazione che non riesce ad attuare piani seri per l'inserimento dei giovani nelle squadre, che non riesce a rendere sicuri gli stadi? Nulla. Abete o no, il problema non è nato ieri ma dura da molto tempo. Dopo l'eliminazione quegli italiani non si sentono più connazionali dei calciatori a quanto pare, molti italioti si sono disaffezionati (così dicono i maestri dell'opinionismo) dalla nazionale di calcio. Forse stanno cominciando a capire che italiani si nasce e loro lo nacquero? Italiani tutti i giorni. Bah...

Reuters
 Si bimbo, babbo natale e Dio esistono

3 commenti:

  1. Si si non te ne frega nulla ma sai tutto..cmq ti consiglio di vederti 1 partita di ping pong giocata fra cinesi!

    RispondiElimina
  2. Dannox, so tutto perchè sono il nipote della fidanzata di Montolivo

    RispondiElimina
  3. mah... non so come si possa prendere a mollare tutto per andare in sudafrica a vedee i mondiali, il mio conto non lo permetterebbe.
    saluti

    RispondiElimina