venerdì 1 luglio 2011

Decifrarti è impossibile

Questo amore è strano.
Hai scoperto l'acqua calda?
Chi cazzo sei? Da dove vieni?

Tu dici che mi stai deviando: e se fosse il contrario? Mi piace quello che scrivi, mi piace il tuo fisico, la tua voce, il tuo saper essere femmina e troia. Mi piaci quando t'indigni e quando ridi. A volte mi sento schiacciato dal tuo tono inquisitorio, sembra che tu stia per attraversare la linea telefonica per venirmi a picchiare. Mi sa che sto diventando masochista. Mi piace essere insultato da te e questo può avvalorare la tua teoria riguardo al genere maschile (ma sai bene che odio le generalizzazioni.) Tu sei la prima donna alla quale consento di trattarmi male. Ho tanto da imparare da te. Ti esprimi senza fronzoli, vai diritta al punto, sei aggressiva, sei sexy. Tu mi vuoi perchè ti faccio godere ma cerchi di nasconderti dietro le pippe mentali: lasciale stare. Gli incidenti del passato non possono rovinarti il presente nè precluderti il futuro. Io non penso che voi siate tutte "x" perchè so bene che tu sei "A" e "Z". Non cercare giustificazioni. Credo che nessuna m'abbia amato quanto mi stai amando tu. Potrei sbagliarmi ma ti assicuro che è una bella sensazione. Godo sapendo che ti tocchi pensandomi, godo quando sei al lavoro e le mie provocazioni ti mettono all'angolo. Mi sento un po' stronzo perchè so che con te posso essere me stesso.

Non vedo l'ora di metterti le mani addosso. Ricordo il giorno e il momento preciso in cui mi hai detto "ti amo": stavo perdendo i sensi. Da quel momento è cambiato tutto. Nemmeno le seghe son più come prima. Sei una fata e una strega. Sei timida e dolce, sei sadica e sfacciata. So che tutte le mie ex e quelle che mi son piaciute non valgono la metà della metà di te. Sei sicura che io tornerò da lei ma lei chi? Quella è stata solo il periodo tra due  parentesi nel mio lungo romanzo. Io ti sono debitore. So che la tua vita è stata irta di difficoltà ma hai avuto una forza pazzesca, sei una leonessa. Sempre pronta a graffiare e mordere. Tu meriti affetto, baci, carezze, poesia, sesso. Hai qualcosa di fanciullesco: la spontaneità. Non fai calcoli prima di parlare. Ricordo che quando ti ho conosciuta pensavo che fossi una mistress e mi sarei fatto volentieri sculacciare. Piano piano mi rendo conto che, come dici tu stessa, sai metterti in ginocchio a pregare il tuo Dio.


13 commenti:

  1. UHHHHHHHHHHHHHHHHH!
    e mi metta le mani addosso magari pure sulle chiappe! :D

    la bacio Inneres.

    RispondiElimina
  2. Sei scorretta, lo sai che dandomi del Lei mi viene duro

    RispondiElimina
  3. illuso è l'uomo che cerca di decifrare una donna!!

    RispondiElimina
  4. BH: in effetti non voglio decifrarla...
    ma non si può dire a cosa ambisco

    RispondiElimina
  5. Inneres, io mi nutro delle sue debolezze.. aaaaaaahhhhhhhhhhhhhhrg!
    prenda in mano suo "fratello" e lo trastulli per bene. :D

    RispondiElimina
  6. Inneres manco in casa sua si sente libero di dire?
    che peccato, e io che credevo lei fosse un ribelle e se ne infischiasse della gente... sono tutta triste, tutta affranta, tutta bagnata (me so' presa tuttttta l'acqua de dio, oggi)

    RispondiElimina
  7. Lascio la strada aperta all'immaginazione.

    RispondiElimina
  8. Inneres quando fa così mi sta veramente sul CAZZO!

    RispondiElimina
  9. Bellissimi parole Inneres... una melodia poetica per la tua Dea... grande, veramente grande

    RispondiElimina
  10. E' una delle più belle lettere d'amore che abbia mai letto!

    RispondiElimina
  11. Mi son persa tante,troppe cose. Un giorno mi leggerò tutto il blog..

    RispondiElimina
  12. Eilà Erzsèbet, benvenuta in questa piattaforma.

    RispondiElimina