venerdì 15 luglio 2011

Una sorpresa continua



Ci sono quelle giornate che non puoi dimenticare.
Quei giorni che vorresti fossero eterni.
Lei è così bella e graziosa da farti sembrare uno molto fortunato.
In effetti lo sono.

Quando ci siamo separati sono stato per qualche minuto ad assaporare quello che la tua lingua aveva lasciato sulla mia. Ho ripensato a quelle sensazioni pazzesche, quegli attimi di trascendenza mistica che da ora in poi faranno parte della mia vita. Sei stata tutto quello che volevo: tenera, porca, aggressiva, dolce, lussuriosa e tante altre cose che non so descrivere. Non ci sono le parole adatte.
Non c'è niente di te che mi abbia deluso. Niente che mi abbia lasciato insoddisfatto. In te c'è qualcosa di primordiale. Da ieri ho scoperto che c'è anche in me. Quando mi sono steso sul letto sentivo il tuo odore e mi sono eccitato. Mi sembrava di averti addosso.

Spesso mi chiedevi "Perché sei così serio, sembri triste" e non ti rispondevo. In realtà ero triste perché pensavo al fatto che scaduto il nostro tempo ci saremmo dovuti separare: siamo prigionieri dei numeri. Quei momenti bellissimi avevano dei confini. Non so se sia giusto ma è così per tutti. Almeno il tempo è davvero democratico.

Quanto mi piaceva baciarti?
Quanto mi piaceva stringerti?
Quanto mi piaceva sentire i tuoi gemiti?
Ecco, queste sono sensazioni incalcolabili, non quantificabili. Questo è misticismo. Quanto vorrei farlo ancora? Potrei dire "tanto" ma so che non sarebbe abbastanza.

Mi provocavi, mi davi del ragazzino e io dovevo stare zitto. Ora la mente rielabora e gode. Come hai detto tu è bello pensarci a mente fredda. Emergono i dettagli e sono sempre loro a far la differenza.
Tu conosci i miei punti deboli, fai il passo più lungo della gamba mentre tento ancora (inutilmente) di capire le tue mosse. Mi fai impazzire.

Ripenso alla tua pelle contro la mia, alla tua voglia di baci e di cazzo. Ripenso al fatto che mi hai fatto sentire un DIO. Sto per spiccare il volo, tesoro mio.





13 commenti:

  1. e stai venendo da me? :D
    sei un geniaccio di ragazzino.
    Io la adoro Inners, come adoro le sue orecchie e la sua lingua. Buona.

    Bel pezzo, l'ho ascoltato ieri mentre venivo e tornavo, mentre sentivo ancora il tuo odore.

    RispondiElimina
  2. Wowwwwwwwwwwwwwwwwww! uhm.. adesso sono quasi impaurita! ;***

    RispondiElimina
  3. Perchè con google reader visualizzavo un post che si intitola "Te lo do iolo specchio!" ed ora non lo vedo più????

    RispondiElimina
  4. Evidentemente reader è posseduto

    RispondiElimina
  5. Mi rifaccio vivo dopo dieci giorni e le mie prime parole sono per... voi.
    Vi invidio ragazzi, siente una forza della natura.

    RispondiElimina
  6. sì ma mi piace quello che leggo!

    RispondiElimina
  7. ''siamo prigionieri dei numeri. Quei momenti bellissimi avevano dei confini'' mi piace molto questa frase..

    RispondiElimina
  8. e a me piae molto questo post, è la prima volta che lo rileggo

    RispondiElimina