Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2011

Giochi olimpici

Qualche anno fa ebbi una conversazione con quella che all'epoca era la mia fidanzata. Una di quelle conversazioni in cui si parla del più e del meno; del per e del diviso, del siccome e del poiché. In parole povere, una gran rottura di palpebre. Per ravvivare la conversazione le feci una domanda

"Cara, hai mai fatto uno sport?" "Si, danza." "Ma la danza non è uno sport" "Come ti permetti? Certo che è uno sport... sport è qualsiasi cosa CHE IMPLICHI UN MOVIMENTO FISICO!"
A digerire 'sta minchiata non ce l'ho fatta e sappiate che l'ha detto convinta. A distanza di qualche anno ho un blog e per fortuna posso scaricare qui tutto quello che avrei dovuto dire alla donzella o scrivere su un muro. Ho pensato a un elenco di nuovi sport, che in realtà sono sotto gli occhi di tutti ma solo quella frase mi ha aperto gli occhi. Suggerite se ve ne vengono in mente altri: questo sarà un post in progress, poi presenteremo la documentazione al CIO. D&#…

Felini

Immagine
Era la metà degli anni '90. La nostra casa era piena di gatti. Una sera sentimmo miagolare a squarciagola davanti il portone e non potemmo fare a meno di aprire. C'erano due belle gatte (madre e figlia) che morivano di fame. Erano di una nostra vicina di casa, una di quelle persone che tiene gatti solo per non avere topi. Quelle gatte avevano bisogno di coccole. Rimasero per qualche anno, soprattutto la figlia poiché la madre morì dopo poco tempo. Era una gatta dal pelo folto (una specie di persiano) e una straordinaria abilità nel cacciare. Ogni giorno catturava piccole prede: passerotti, ramarri, topi, ratti una volta uccise perfino una vipera! Era di una mole imponente e incuteva timore se non addirittura rispetto verso gli altri gatti. Anche i maschi la temevano. Negli anni in cui è stata con noi ha messo al mondo decine di cuccioli e tutti molto vispi. Titti aveva una particolarità: capitava a volte che sparisse per diversi giorni oppure per settimane, altre volte stava …

Godimento e non godimento di veleni

Immagine
L'unico argomento decisivo che ha sempre trattenuto gli uomini dal bere un veleno, non è che esso uccida ma che abbia un cattivo sapore.
Nietzsche (Umano, troppo umano)

Veleno - Afterhours

Chi dice donna dice PUMA

Immagine
Un 22 enne italiano ha realizzato un sito internet che è stato "lanciato" a luglio e nelle prime 24 ore ha superato quota 20mila accessi. Vi do qualche indizio per scoprire di cosa si tratta.
Il creatore dice "Un uomo sulla cinquantina accompagnato da una 20enne è sinonimo di potere, successo, ricchezza e viene socialmente accettato, mentre se succede l'inverso, allora diventa uno scandalo, un attacco alla morale e al pudore. Mi sono sempre chiesto il perché di questo paradosso, ben presente in l'Italia dove i pregiudizi contro le Cougar sono più forti rispetto ad altri paesi con mentalità più aperte e anche per questo ho creato il sito, perché su Internet certe barriere sociali o falsi perbenismi non esistono"

Su internet certe barriere e falsi perbenismi esistono eccome. Io me ne sono reso conto notando il comportamento di una donna, proprio una "cougar" che a quanto pare non ha più il coraggio di commentare qui con la scusa che il mio blog è f…

Sogni

Immagine
Ospite, i sogni sono vani, inspiegabili:
non tutti si avverano, purtroppo, per gli uomini.
Due son le porte dei sogni inconsistenti:
una ha i battenti di corno, l'altra d'avorio:
quelli che vengon fuori dal candido avorio,
avvolgon d'incanti la mente, parole vane portando;
quelli invece che escon fuori dal lucido corno,
verità li incorona, se un mortale li vede.

Omero, Odissea

Immagine presa dal blog della mia Dea

Moralismo 2.0

Mi stupisco quotidianamente per le trovate della politica. Mi stupisco per i tentativi di azzerare la prostituzione:
ordinanze restrittive, zone rosse, multe, divieti di avvicinamento, ecc...

Non capisco per quale motivo lo stato non riesca a fare leggi che possano portare introiti all'erario direttamente dalla prostituzione. Continuiamo a fare leggi che vanno nella direzione opposta, favorendo la criminalità organizzata.

Pensate, circa 9 milioni di uomini ogni anno in Italia vanno a puttane (il 96% donne). I politici si sono mai domandati per quale motivo questa massa migra di notte con un unico scopo? Probabilmente non si sono posti la questione, visto che molti di loro a puttane (o a trans) ci vanno sempre e quindi sanno perfettamente qual è la ragione. Voglio dire, non saranno mica tutti depravati 'sti uomini. In fondo è questo che la propaganda dei cherichetti (molti dei quali con i piedi in due staffe) vuole farci credere... Ah ma so malati... porci schifosi... fedifrag…

La dimensione parallela

Immagine
Osservate bene questa immagine. Colle della Portella sul Gran Sasso d' Italia (che era un vanto del regime fascista). Il rifugio Duca degli Abruzzi, ci sono arrivato ieri. Quando ho letto sulla targa l'altitudine stavo per svenire (e non solo per la rarefazione dell'aria): 2388 metri slm. La foto l'ho scattata da un'asperità superiore che secondo il gps del cellulare di mio cugino Fed è oltre i 2400 m ed è il punto più alto in cui siamo andati. In cui sono andato. Non sono mai stato a piedi in un luogo così elevato e ho vissuto dei momenti molto belli. Non solo per la compagnia (i miei cugini che vedo raramente). Siamo arrivati a Campo Imperatore in auto e abbiamo preso il sentiero verso il rifugio senza sapere la distanza. Alla fine son stati 40 minuti di cammino più o meno in bilico sui dirupi e c'era tanta gente. Chi stava lì solo a perdere tempo (giuro che ho visto persone con le infradito in un posto in cui davvero ci sarebbe bisogno degli Sherpa) e chi i…

Naufrago

Quei giorni in cui sei con le budella attorcigliate tant'è lo schifo che ti suscitano alcuni comportamenti di persone da cui non dovresti aspettare qualcosa di increscioso e invece accade. Ecco, pure oggi è uno di quei giorni. Maledico l'istituzione cattolica della famiglia che non è altro che un covo di rancori e stupide rivalità. Sono nato in un contesto sociale che mi fa vomitare. Mi sento represso, io non scarico la rabbia salvo che con la corsa. Stamattina l'aria era più pesante, nuotavo cercando l'equilibrio sullo sterrato. Annaspavo. Poi mi sono sciolto: merito tuo. Ascoltarti è delizioso.

La tua voce è il mio vaccino.
La tua voce è il mio antidoto.
La tua voce è il mio scudo.
La tua voce è la melodia che ascolto con più piacere, con più trasporto.
Il miglior calmante.
Il miglior stimolante.
La tua voce è la mia salvezza.

You're the voice - Blind Guardian

And the winner is...

Sovente capita che dalle discussioni più bizzarre vengano fuori dei ricordi bellissimi a riguardo di qualcosa che pensi di aver rimosso. Oggi a casa di mia zia ho trovato un volantino recante la dicitura "FESTA DELL'EMIGRANTE" un'altra trovata geniale della Pro Loco (chi vive in un paese sa di cosa parlo) per far mangiare chi deve mangiare.
C'era una signora, una vicina di casa ed ex infermiera, che ha menzionato la stessa festa però in un altro paese non molto lontano da qui. Mi ha detto "Fecero pure il film qualche anno fa che andò alla mostra" in quel momento mi sono ricordato di aver preso parte a quella pellicola cinematografica. La signora ha proseguito "Vinse pure il primo premio" e questo non me lo ricordavo.

In breve, il film fu girato nel 1996 dal nostro maestro di storia e geografia (una persona decisamente affabile e dedita a sbornie colossali) che non vedo da 12 anni! Fece partecipare come "attori protagonisti" e come co…

Sono misericordioso

Immagine
Ieri stavo camminando in campagna come da consuetudine e ho incrociato un trio di corridori. Tre ragazze che, badate bene, è un evento eccezionale dalle mie parti. Vero è che d'estate c'è gente che torna dal nord o dall'estero (ma dopo il sisma sempre di meno) tuttavia qui c'è una concentrazione di ragazze equivalente a quella di cubetti di ghiaccio nel Kalahari. Dicevo dunque di averne incrociate tre. Io scendevo e loro salivano: di corsa alle 11.30, un caldo terrificante. Belle ragazze (e anche questa è una novità). Due salivano sullo sterrato senza problemi, con le cuffiette e lo sguardo verso terra. La terza era più staccata anche lei con le cuffiette, direi più slanciata, una canottiera azzurra e pantaloncini attillati neri. Si è fermata all'inizio della salita e mi ha guardato in faccia, sorridendo. Mi ha detto qualcosa che non ho recepito (stordito com'ero dalla sua radiosità) ed è ripartita.

Poo dopo ho notato che non correva più ma camminava mentre le …

Alla Sera

Non so quanto quello che sto per postare si "intoni" con il blog però mi va di postarlo. Questo è l'unico sonetto che io ricordavo quando andavo a scuola, l'unico che sapevo e so ancora a memoria. Non c'è allegria in queste parole e in effetti i componimenti poetici allegri non sono tra i miei preferiti. La sera intesa come immagine della morte.

Forse perché della fatal quïete
Tu sei l'imago a me sì cara vieni
O sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïete
Tenebre e lunghe all'universo meni
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.

Tuo/ II

Il tuo odore non va via
facilmente dalla pelle,
il tuo modo di baciare
non riesco a scordare.

La tua lingua rovente
che vuole succhiarmi lo spirito,
le tue mani indomite
vogliono esplorare ogni pezzo di me.

Non mi tolgo dalla testa
i tuoi gemiti,
il respiro affannoso
e sul tuo volto la rabbia
mista a sottomissione.

La tua fica che chiede amore,
i tuoi seni che reclamano coccole.
Il pensiero,
la fantasia che attuo
e i tuoi no.

La tua avida ricerca
del mio cazzo,
il tuo sguardo fisso sul glande
che luccica.

Mi hai ucciso amore mio,
finisci prima ch'io riprenda coscenza.
Mi sento strappato via da un vortice,
un tornado
o forse un uragano.

Voglio i tuoi occhi
diritti verso i miei,
le tue labbra propense
a un altro bacio.

Voglio il tuo sesso,
il tuo sangue
misto a saliva e sudore.

Voglio soffrire,
devo impazzire
per poter esplodere.
Godi come una puttana,
bestia senza pudore alcuno.

Voglio abbracciarti e stringerti
in una presa che sia simbolo di lotta,
quando i contendenti sono sf…