giovedì 20 ottobre 2011

Anzitutto vi ringrazio per la qualità delle domande, ad alcune devo rispondere con a fianco il mio avvocato.

Emanuele:

1)Cosa significa per te il blog? 2)Mentre scrivi, cosa provi? Sei sempre preda di un delirio emotivo o esso varia a seconda del post? 3)Mentre scrivi mangi? 4)Mentre scrivi bevi? 5)A quante mie domande risponderai in maniera cattiva?

1) Da questa risposta dovresti capire se vale la pena leggermi ancora oppure no: accidempoli! Io ne ho parlato qualche settimana fa (non mi ricordo in quale post) ma ti faccio un breve riassunto. All'inizio il blog era solo un posto in cui fare ironia sugli stereotipi legati al sesso, ai discorsi da bar e al mondo dei vip. Poi mi sono innamorato e ho cominciato a scrivere racconti erotici e anche poesie, ho cercato sempre di mantenere una linea divertente però era un blog secondario. Con il tempo è diventato il mio blog più seguito e ho scoperto che lo "curavo" parecchio e che mi ero affezionato a diversi lettori. Ora sono innamorato come tutti sapete e molto di quello che scrivo deriva proprio dal sentimento che sto provando, da quello che mi attraversa. IL blog è importante perché posso confrontare le mie idee con quelle di altre persone.

2) Dipende dall'argomento del post. Posso essere eccitato, disgustato, entusiasta, incazzato, felice, esterrefatto. Cosa intendi per delirio emotivo? Se significa vivere delle forti sensazioni e poi  trasmetterle a voi, sì.
3) Di solito no
4) Di solito no.
5) Stavolta 0 cattiveria.

White Rose:
1)Qual è il tuo concetto di tradimento? 2) Tradire e mentire ? o tradire e confessare? (non rispondere non tradire affatto che è troppo facile come risposta!) 3)Allora ..niente domande sul tuo banco posta... se vuoi ti do il numero della mia postpay? :))) 4)Il tuo colore di capelli?

1) Più o meno come il tuo. Per me il tradimento è anche se io per scherzare scrivo a una donna che magari non vedrò mai "vorrei leccartela"; allora la mia donna dovrebbe prendermi e sputarmi in faccia. Sono un po' all'antica per quanto riguarda questo concetto.
2) Tradire e confessare.
3) Preferisco le tue misure.
4) Nero

Anonimo:
1) quante volte hai pensato di andartene dopo il terremoto e per quali motivi sei rimasto? 2) che scelta sbagliata hai fatto due anni fa?

1) Non ho mai pensato di andarmene.
2) Iscrivermi all'università

10 commenti:

  1. no... dai... un "voglio leccartela" per scherzo non è tardire!! mi oppongo!!

    RispondiElimina
  2. BH: sono opinioni opinabili. Mi rendo conto che posso apparire strano ma sono così.

    Seta: basta che leggi il post prima di questo!

    RispondiElimina
  3. 1) Nel dire ''voglio leccartela'' il tradimento non sta nel ''dire'' ma nel ''voglio'' secondo me...

    2) tradire e confessare..infondo anche io sono di questa idea. Però è più facile, ci si libera di un peso, e si scarica sul partner il peso della decisione di perdonare o chiudere. Certo, se il mio compagno mi tradisse, e continuasse a stare con me, e poi dopo anni si decidesse a confessare lo ammazzerei..o si dice subito ..o mai.
    3) Ah ah ma quelle non pagano!Comunque, ci credi che non le so?! Ti posso dire la taglia, ma la circonferenza non l'ho mai misurata!
    4) E adesso manca il colore degli occhi ...


    In merito alla risposta 2 all'anonimo..
    Ah Inneres..stai pensando di lasciare l'università?

    Parliamone...

    (Anche io mi sono pentita, ma una volta in ballo balliamo..altrimenti è tutto perso.)

    RispondiElimina
  4. Inneres... Io alla scelta sbagliata c'ero arrivata senza chiedere... chissà perchè poi...

    RispondiElimina
  5. White Rose: gli occhi sono castani.

    Per quanto riguarda la scelta, l'ho già presa e non me ne pento. Ora voglio una nuova vita, lotterò.

    RispondiElimina
  6. Non ci credo che esistono ancora uomini così "puri" sul tradimento!

    RispondiElimina
  7. Marina, ti capisco. Ogni tanto mi domando se ne valga la pena o se sono proprio uno stronzo

    RispondiElimina
  8. Forse non ne vale poiù la pena nemmeno quando sembra...

    RispondiElimina