martedì 11 ottobre 2011

Nella grotta

Sono vicino al lago. La vegetazione intorno è quella tipica delle aree salmastre nella macchia mediterranea: molti salici, dei pioppi e tanti arbusti. L'acqua non è limpida; so che si può fare il bagno ma stranamente non c'è nessuno. Allora penso che posso spogliarmi completamente ed entrare con calma per godere di quel posto e di quella atmosfera. Mi tolgo la maglia, la poggio su un sasso e quando mi giro tutto è cambiato: cos'è successo? Non ci sono più alberi nè il cielo azzurro. Vedo una volta da cui cadono alcune gocce. Umidità? Sono in una grotta.
Il lago però c'è ancora ma non è quest'ultimo ad attirare la mia attenzione.

Davanti a me ma presso la sponda opposta c'è una donna, è lontana almeno 300 metri in linea d'aria eppure le vedo benissimo il volto. Cavolo che sventola! Devo avere lo zoom nel cristallino perché una cosa del genere non mi era mai capitata. La vedo sorridere. Ha capelli mossi che le arrivano poco sotto le spalle (o almeno questo è quello che sembra). Gli occhi hanno lo stesso colore della volta della grotta. Veste solo un accappatoio bianco. Ma cosa fa? Se lo toglie. No, lo apre un po'. Mostra il seno destro, mi fa l'occhiolino e si massaggia il capezzolo. Ride sorniona. Sento l'eccitazione preme nei pantaloni: è mia vado a prenderla. Cammino senza perderla di vista e continua a sorridermi.

Le arrivo a pochi metri di distanza e noto altra gente poco più lontana e ancora nella sponda in cui stavo ad ammirare quella bellezza. Che strano. Non me ne frega molto, io voglio prenderla. Mi avvicino , faccio per cingerle la vita e mi sussurra "hai salviette?" - "per cosa?" - "non mi piace la barba". Devo radermi in qualche modo. La guardo: è stupenda. Ho troppa voglia di baciarla. Entro in una fenditura nella roccia per cercare qualcosa di tagliente ma non trovo nulla. Esco e lei non c'è più. Non c'è nessuno. Mi è piaciuto lo stesso. Grazie chiunque tu sia. Bella. Bellissima


La bellezza femminile è il punto più vicino fra il genere umano e l'eternità (Emil Kusturica)

4 commenti:

  1. chi era la dea che usciva dalle acque di un lago???

    RispondiElimina
  2. non era quella che conosciamo entrambi! A volte i sogni so proprio strani

    RispondiElimina
  3. Beh un bel sogno almeno, io ho fatto un incubo stanotte, quasi quasi lo posto per esorcizzare la sensazione negativa!

    RispondiElimina
  4. sto Emil, per dire una cosa del genere non l'ha beccata che poche volte... chissà cosa direbbe in un caso analogo silvio?

    RispondiElimina