martedì 18 ottobre 2011

Question time: tradimento



Alcuni di voi troveranno questo argomento decisamente banale. La domanda potrà sembrarvi scontata. Io pensavo che il concetto fosse uguale per tutti ma con il tempo ho scoperto che non è così. Ho scoperto che "tradimento" vale per tizio ma non vale per caio. C'è chi si ammazza e chi se ne frega.

Per cui, quando ci sono i presupposti per parlare di tradimento?

12 commenti:

  1. non mi distanzierei dal significato letterale del termine: tradimento è l'atto del tradire, che significa "Usare frode e inganno nei confronti di chi si fida; venir meno alla fiducia, a un impegno, a un obbligo contratti" (dizionari.hoepli.it). non è solo una questione di corna, anzi, spesso le corna non c'entrano proprio.

    RispondiElimina
  2. io ho un'opinione un po' particolare in merito... premesso che se il mio uomo mi tradisse io gli staccherei il cazzo a morsi, ormai ho comunque imparato a scindere il tradimento dalla scappatella... insomma... se il mio uomo si fa una scopata extra ci posso anche stare, fare finta di niente, passarci sopra, ma solo a patto che lui non faccia mancare amore e sesso a me... invece non potrei mai e poi mai sopportare che lui si innamorasse di un'altra... in quel caso, pure se non ci avesse fatto l'amore, potrei impazzire...

    RispondiElimina
  3. io sto con Osho:
    si parla di tradimento quando si fa l'amore con una donna che non si ama...non l'amare che intende Moccia...

    quindi si può tradire la propria moglie anche se si scopa con lei...qualora non la si amasse.

    RispondiElimina
  4. Il tradimento non esiste.
    E' un'invenzione di berlusconI per marchiare chiunque non sia più con lui (vedi FinI).
    Poi il termine è stato esteso a tutti quelli che cambiano idea: mariti, mogli, militari, chi scende in piazza, chi sale in cattedra, chi vive, chi muore, giornalisti...
    Essendo tutti traditori di qualcosa, è traditore chi non tradisce, ma poiché tutti tradiamo, il tradimento non esiste.

    RispondiElimina
  5. La mia sensibilità al tradimento è alta, non c'è bisogno dell'atto fisico per ''bollare'' un comportamento come tradimento. Basta il pensiero, basta immaginare di dare ad un'altra quello che è ''mio'', anche se in comodato d'uso...!
    In passato ero più rigida, adesso forse un tradimento fisico lo perdonerei pure, ma se è associato il coinvolgimento emotivo, mentale...finisce.
    Beh forse non perdonerei nemmeno l'atto fisico in se.. boh..ad ogni bacio, per non dire altro, penserei che quelle labbra hanno baciato un'altra..
    Infondo ancora non ho digerito le sue storie passate, prima di incontrarmi, figuriamoci se si svolgessero nel durante della nostra storia

    RispondiElimina
  6. GATTO: mi pare che il concetto di tradimento esista da prima di Berlusconi.

    RispondiElimina
  7. il preusupposot principale..
    è quello del disegnino!! ^^

    RispondiElimina
  8. A me hanno sempre detto: senza schizzo non c'è tradimento.

    Ovviamente non so se è vero...

    RispondiElimina
  9. beh... senza schizzo più che altro è da idioti... :)

    RispondiElimina
  10. finchè tu torni da me e io torno da te, va tutto bene.

    RispondiElimina
  11. bella la teoria di seta...
    mi convince.

    RispondiElimina
  12. In passato ero molto rigida, ma col tempo ho imparato a dividere il sesso fatto per amore a quello fatto per puro desiderio sessuale. Anche perchè con tutte le cotte che mi prendo..!

    RispondiElimina