giovedì 20 ottobre 2011

Uno statista in meno



Ho visto delle immagini oggi e me ne sono tornate altre in mente. Poco più di due anni fa, tra l'8 e il 10 luglio qui c'è stato il G8. Si doveva fare qualcosa per farci apparire, il grande puttaniere doveva trovare un colpo a effetto per rimediare le mignotte da mezzo mondo. Allora ha spostato tutto in due secondi dalla sardegna a qui, con buona pace dei sardi (che lo cercano per fargli lo scalpo). SApevamo che quella che volgarmente chiamiamo camorra avrebbe messo le mani su tutto e infatti la magistratura sta piano piano scoprendo cosa si nascondeva dietro il grande palcoscenico listato a lutto per dare una parvenza di solidarietà. Un carrozzone di faccendieri, affaristi, paperoni senza scrupoli, troie, cocainomani, nani di corte, lecchini e corrotti di vario tipo: insomma un classico del made in ITaly. Penso vi ricordiate le immagini di Obama che gioca a basket nella caserma (che tra l'altro non è una caserma ma la scuola ispettori e sovrintendenti) della guardia di finanza. I giri in centro dei "grandi". Le foto.

Però c'era uno di questi un po' sopra le righe. Un certo Muammar Gheddafi. Per arrivare in città non era passato dall'autostrada (era un paranoico della peggior specie)  ma da strade secondarie, e tra una grattatina e l'altra se n'è andato a fare dei giri tra le nostre montagne. Così si è innamorato di un piccolo comune con il quale prese un impegno mica da ridere: la creazione di un centro turistico rinomato con ben 16 milioni di euro di investimento. Passati un po' di mesi ha cambiato idea (era fatto così) e quel paesino se l'è presa nei fondelli. Oggi ha implorato di non essere ucciso: sapete tutti come è andata.

E poi le immagini della suia uccisione, della festa intorno al cadavere... mi fa sembre ribrezzo vedere certe cose. Anche se era un essere spregievole, del quale forse non sapremo mai con esattezza tutti i crimini (chi comanda nel mondo li conosce a puntino ma questa è un'altra storia). Il solito copione con l'occidente che prima t'aiuta e poi t'infilza. Quelle immagini mi fanno pensare al filmato terribile di Piazzale Loreto, con i cadaveri di Mussolini e della sua amante presi di mira da chi fino a poco tempo prima li osannava. Vabbè, detto questo non biasimo quei libici che oggi festeggiano: fossi al posto loro avrei fatto la stessa cosa se non di peggio; il problema è "come sarà il futuro della Libia?"

Qualche mese fa, una battuta Enrico Bertolino subito dopo l'inizio della rivolta: "siamo l'unico paese del nordafrica a non essersi ribellato". Non era proprio una cosa da ridere.




5 commenti:

  1. Non gioisco mai per la morte di qualunque essere umano, per quanto sia stato spregevole.
    Non condivido, ma cerco di capire la gioia dei libici per la sua fine.
    ODIO, senza speranza di rettifica, lo sciacallaggio mediatico che si è scatenato a corpo ancora caldo, come si dice.
    L'insistenza su foto e filmati dell'avvenimento in un paesE che si crede civile sono vero e proprio cannibalismo.
    Il sic transit gloria mundi, subito decretato da un nostro grandE che fino a poco fa gli baciava mafiosamente ufficialmente vistosamente la mano, è talmente grottesco che neanche Argento Dario riuscirebbe a tradurlo in filmato.
    Perdona, di meglio per ora non so dire, sono incazzato nero per questo schifo.

    RispondiElimina
  2. Anche a me sono tornate in mente le scene di Piazzale Loreto, e considera che quella è la versione ufficiale.
    Su quel pezzo di storia c'è una versione ufficiosa che è anche peggio..

    RispondiElimina
  3. gattonero: ormai allo sciacallaggio mediatico dobbiamo farci l'abitudine

    RispondiElimina
  4. Bertolino è un grande, e non solamente perché è interista...

    Mussolini, Gheddafi, Ceausescu... tutti passati a fil di spada. Lo so, non è giusto, ma perlomeno è giustificabile. Che ne sappiamo noi se a sparare alla testa di Gheddafi non sia stato qualcuno che ha trovato il fratello, o i lpadre, o la madre (o magari tutti e tre) in una fossa comune, torturato e poi ucciso? Io mi chiedo come mi sarei comportato io, e onestamente non so rispondermi.

    RispondiElimina
  5. ma inneres.... il filmato di piazzale loreto è una delle più belle scene che abbia mai passato la televisione italiana!!

    RispondiElimina