giovedì 1 dicembre 2011

Il sorpasso

 

Eravamo verso il GRA provenienti dalla Pontina. Sera, migliaia di auto incolonnate nella carreggiata opposta. Luci, luci e ancora luci. Ci è sorta spontanea una domanda: ma che fanno tutte queste persone che a tutte le ore di tutti i giorni prendono l'auto o il furgone intasando strade, autostrade, bretelle, mutandoni e pappagalli?!
Tutti lavorano? Io non credo. C'è la crisi anzi, c'è grossa crisi, eppure la gente riempie i centri commerciali.
Tutti complici del sistema che dicono di combattere. Ok, c'è chi è costretto a fare km e km con l'auto perché il trasporto pubblico fa schifo. Però gli altri... quelli che 4 persone lavorano/vanno a scuola nello stesso luogo e con 4 carrozze diverse... che gli vogliamo dire?

Su Isoradio trasmettevano un'intervista al Ministro dell' Ambiente, tale Corrado Clini "le misure che attualmente vengono prese contro le polveri sottili bastano o servirebbe altro?" il domandone del giornalista a cui segue la risposta "no ma per ora dobbiamo fare in modo che vengano applicate". Il tutto riferito per esempio alle targhe alterne (a proposito, di mattina eravamo finiti in mezzo a Roma, dovevano essere in circolo solo auto con targhe pari e ovviamente c'erano pure le altre!) o alle domeniche a piedi, le ztl, ecc. Quanta fatica sprecata. Ma se facessimo una settimana di blocco del traffico? Eh no, poi non possiamo andare a produrre e far arricchire i magnaccia che poi parlano di energia pulita. Continua il Ministro "dovrebbero essere attuate delle misure (qui mi sfugge il termine), si potrebbe cominciare dal miglioramento dei trasporti pubblici esistenti" abbiamo scoperto l'acqua calda.

Le immatricolazioni a novembre sono scese del 12% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Eppure mi sembra di vedere sempre più auto... I livelli delle polveri sottili superano la soglia di rischio in più di 100 città italiane, Torino ha il poco invidiabile record con ben 124 giorni dall'inizio dell'anno: in pratica la gente dovrebbe girare con la mascherina come fanno gli abitanti delle megalopoli giapponesi e cinesi! Invece tutti a fare gite fuori porta cioè a 2 km dal casello dove c'è ancora lo stronzo che alleva capre, le quali probabilmente hanno mille tumori e tu non lo sai perché sei talmente cretino da pensare che dove c'è verde ti salvi.

Tamponamenti a non finire, dalla radio giungono notizie in serie: Prenestina, Appia, Nomentana, Roma - L'Aquila, Lunghezza, Roma-Firenze, Pontina, Ardeatina ecc. Lungo il tragitto vediamo decine di furbi che sfrecciano sulla corsia d'emergenza nonostante il cartello "ritiro della patente"; infatti c'è la polizia che spreca un sacco di carta ma lo fa per noi.  Tutor, punto blu, viacard, punto verde, traction control, crossover compatto, SUV, family card, telepass, è il progresso bellezza! Lavori in corso pure se non lavora nessuno. Chiedi l'indicazione al disgraziato che viaggia tutti i giorni e non ti sa dire un cazzo. A Isoradio ci dicono anche che a Milano se stanno a sfrocià in tanti; sulla tangenziale est, ovest, sud...

I pannelli elettronici che danno indicazioni sbagliate, quello alla radio "Sabrina c'informa che ci sono decine di ambulanze ma per ora nessuna notizia ufficiale" mentre noi vediamo le famose ambulanze a duemila orari. Le pubblicità 8 x 9 con le donne nude, giusto per causare altre collisioni. I coglioni che sorpassano a destra, quelli che vanno a sinistra ma senza freccia, l'altro che parla al cellulare mentre sorpassa: ma quanti matti ci stanno? Perché in carcere non mettiamo questi al posto di quelli che si fanno le canne?!
Io dovevo nascere nella foresta.

Stiamo a sprecare, sprecare, sprecare. Il petrolio prima o poi ci farà "ciao-ciao" con il dito medio che prenderemo in quel posto. Torneremo a usare la lettiga

4 commenti:

  1. sull'Autostrada della Cisa, il tratto autostradale più caro d'Italia a quanto mi dicono...i lavori sono in corso 365 giorni l'anno...ma raramente vedo qualcuno che lavora.

    per il resto...ho sempre pensato che se si applicasse il telelavoro, ovviamente a chi può farlo, si risparmierebbe carburanti e un sacco di inquinamento.

    ma non c'è verso mi sa...

    RispondiElimina
  2. Ma che ne so, forse messe tutte incolonnate così le auto...figliano!

    RispondiElimina
  3. e non so se da quella posizione hai notato un'altra cosa... siamo colonizzati!
    solo marche straniere, nemmeno più una marca italiana... c'è grossa crisi.

    RispondiElimina
  4. bad se la marca italiana deve esser fiat...

    RispondiElimina