lunedì 19 dicembre 2011

Non si vede bene che col cuore

Canticchio la canzone che hai come suoneria del cellulare. Una canzone che non mi è mai piaciuta, colonna sonora di un telefilm che non m'è mai piaciuto. Ieri la cantavo sotto la doccia.

Il libro che mi hai regalato è impregnato del tuo odore. Ogni volta che lo apro respiro profondamente, mi godo quegli attimi. Lo annuso.

La dedica, ti avevo detto che non l'avrei letta almeno non in questi giorni. E invece non faccio altro che leggerla, ogni volta provo un'emozione nuova. Ogni volta leggo tra le righe il dettaglio che mi era sfuggito prima.

Il libro ti avevo detto che non sarei riuscito neanche ad aprirlo per un bel po' di giorni. Invece ieri sera l'ho letto come mai avevo fatto prima con nessun libro. So che tornerò presto a leggerlo. 

So che non mi fa bene pensare troppo ma non ho voglia di cambiare. Proprio adesso che ho scoperto la parte migliore di me: grazie a te. Le lacrime sono il prezzo da pagare.




7 commenti:

  1. Questo si che mi sembra un ottimo "natale" per te... perchè cambiare? Goditela! Auguroni :)

    RispondiElimina
  2. Auguri di Buon Natale e di un sereno Anno Nuovo

    RispondiElimina
  3. Dolcissimi Auguri dallo Zio Nick! :)

    RispondiElimina
  4. e sì, Inneres, anche tu in balìa dolce e industriosa d'Amore? Io mi lascio teneramente cullare e illudere, volando alto, alto, alto.....
    Bello trovare gli amici di sempre.

    RispondiElimina