giovedì 31 marzo 2011

Al freddo e al gelo

Quel giorno al parco non potrò mai dimenticarlo. Era freddo (un pomeriggio di pieno inverno) ed il sole stava calando. Noi avevamo bisogno l'uno dell'altra. Avevamo bisogno di toccarci, sfidarci, annusarci. Il profumo del tuo corpo era nuovo per me. Non immaginavo che potesse esistere una fragranza così incantevole nel nostro mondo. Camminavamo mano nella mano ed improvvisamente mi toccasti all'altezza del pene. La mia reazione fu di ricacciarti indietro. Volevo capire qualcosa in più di te, ero intimorito da quel nuovo tipo di contatto. Una dimostrazione del fatto che siamo animali ed ogni tanto abbiamo bisogno dei segnali chimici giusti. Dopo lo smarrimento iniziale ti condussi verso una panchina sotto ad un grande abete, un' alcova che conoscevo come le mie tasche. Non c'era nessuno. Ti afferrai il viso e ti baciai. Le nostre lingue lottavano per avere il controllo della situazione ma non ci misi molto a prendere le redini. Ero finalmente libero da ogni forma di pudore. I baci erano frenetici, un po' per la nostra voglia smisurata ed un po' perchè avevamo bisogno di calore. Evitai di toglierti la giacca e la maglia, ed infilai entrambe le braccia sotto a quest'ultima. Presi i tuoi seni in mano e giocai (dal mio punto di vista) con i capezzoli.

Non passavano più di 10 secondi senza che ci baciassimo: avevamo un dannato bisogno di bagnarci le labbra. Ci stavamo divorando. Volevo fare l'amore e non cercavo di evitare sguardi indiscreti, anzi volevo che qualcuno ci guardasse. Ti abbassai i jeans percependo un lamento, quella piccola forma di protesta mi fece eccitare ulteriormente. Abbassai anche le mutandine e, meravigliato, osservai la tua peluria. Dovevo essere come quegli esploratori che per primi si avventurarono nelle foreste vergini del pianeta. Non mi ero mai spinto così avanti. Ti fissai negli occhi ed il mio piccolo dubbio si dissipò. Strofinai tutte le dita sulla vagina, sentendoti gemere. Ogni tanto ti guardavo mentre tiravi indietro il collo e cercavo di immaginare cosa stessi provando. Poi la tenni aperta con gli indici ed infilai la lingua, perdendomi come un bambino che non ritrova il suo sentiero. Lì dentro l'odore era aspro eppure stimolante. Era bellissimo sentirti ansimare mentre affondavo il più possibile dentro di te. Mi fermai solo quando non riuscii più a resistere per il dolore.

Mi rialzai e ti dissi qualcosa. Ti accovacciasti di fronte a me ed iniziasti a sbottonarmi i pantaloni. Era il tuo momento.Come avevo fatto io prima, mi guardasti come per cercare un assenso e prendesti in bocca il mio pene duro. Bollivo. I tuoi movimenti erano perfetti, ero del tutto in balìa della tua bocca. Ricordo che mi mordesti forse senza volerlo e trattenni a fatica un'imprecazione (all'epoca ero ancora credente). Non durai parecchio, del resto non ero abituato a quel genere di coccole e non mi ero toccato per diversi giorni. Volevo arrivare carico a quell'incontro e in quegli istanti pensavo che ci ero riuscito. Quando con 6-7 schizzi tappezzai il tuo palato, ero come un Dio. Ero inebriato. Potevo dirmi soddisfatto ma non abbastanza, in fondo tu meritavi qualcosa in più. Decidemmo di spostarci in un posto più appartato e ricordo che da lì riuscivamo a vedere un uomo che correva. Passò due o tre volte, era tutto imbacuccato e rosso in faccia. Passò anche un vecchio con quello che poteva essere il suo cane. Non ci videro però un po' d'imbarazzo lo provammo al pensiero di poter essere "beccati".

Eravamo seduti vicino ad una fontanella in disuso. Non smettevamo di baciarci, leccarci e toccarci. Infilai la testa sotto la tua maglia e tu mi ricambiasti la cortesia. Ad un certo punto voltandomi le spalle, ti chinasti e non potei resistere. Ti presi da dietro notando come la cosa ti desse un piacere smisurato. Io soffrivo, lo confesso. Passavo dal freddo polare al caldo estremo nel giro di pochi secondi cioè tra quando il pene usciva ed entrava. Io tenevo le mani poggiate sulle tue natiche ed ogni tanto affondavo le dita cercando di farti male. Volevo prendere letteralmente una parte di te. Impazzivo per la tua manifesta lussuria. Ogni tanto lo riprendevi in bocca per farmelo diventare più grosso. Io ti feci sedere ed iniziai a toccarti le tette. Mentre ne stringevo una leccavo l'altra. Per "vendicarmi" del morso subito poco prima serravo i denti facendoti sussultare. In un momento mi prendesti una mano portandola verso la tua fica. Non esitai ad entrare con due dita. Mi dicesti che le volevi tutte. Ci provavo ma il pollice non voleva entrare e tu ti lamentavi perchè quattro erano troppe. Io insistevo. Hai voluto la bicicletta, ora pedali. Quando tolsi l'anulare ed il mignolo proprio mentre ti sfioravo il clitoride arrivò la tua onda.

Apparivi sollevata ed estasiata. Non potei fare a meno di baciarti e poi ti feci leccare le dita bagnate. Eravamo a pochi passi dal castello in un luogo teoricamente bandito ai peccatori. Pensai a cosa avrei trovato per quelle vie ai tempi della dominazione spagnola. Qualche cavaliere con la sua dama? Chissà. Eravamo stanchi ma sereni. Un cavaliere con la sua dama. Niente elmo, armatura, scudo, lancia o spada (eccetto quella anatomica). Niente corpetto soffocante. Gli ultimi baci e carezze ci riportarono alla dimensione della realtà parallela: l'innocente amore. Poi ci alzammo, il nostro tempo era scaduto.

domenica 27 marzo 2011

Del nostro peggior peggio (se qualcuno mi dice che all'università si può fare il cacchio che vuoi giuro che lo picchio)

Martedì durante la pausa della lezione di genetica, ero andato alla macchinetta a prendere il caffè. Lo prendo sempre al ginseng. Quelle macchinette so lente però non avevo nessuno davanti. Mentre attendevo sento due dita sulla spalla destra, mi giro ed un incrocio tra Harry Potter e Matteo Colaninno mi fa "Ma non vedi che è pronto?" - Mi rigiro e leggo attendere erogazione e rimanendo calmo dico al simpaticone "Ehm mi dice di attendere. Non posso levare il bicchiere se non ha finito..." - Lui cambia tono di voce che diventa sommessa "Ah, scusa." Quando finisce l'erogazione la macchinetta suona e prendo il caffè, girandomi verso l'idiota "Vedi?". Per sua fortuna non mi ha beccato nella giornata storta.

Il giorno dopo Giuseppe cerca di prelevare denaro dal bancomat in facoltà. Avevamo lezione alle 9.30 e lui stava lì dalle 9 senza esito alcuno. Va a chiedere all'ufficio informazioni ed uno (Frankestein) gli risponde "è lenta". Ma va? Insomma noi lasciamo Giuseppe solo ed andiamo a lezione. Appena entrato il prof di antropologia esclama "la porta!", passa una mezz'oretta e torna Giuseppe. Appena si siede il prof attacca "Questo cosa significa?" - "Prof le posso spiegare" - "No non devi spiegare niente, devi chiedere permesso." - "Vabbò..." - "Non esiste che qui fate come vi pare per cui ora te ne vai e non segui la lezione. Se avete qualche problema venite da me prima della lezione". Lui esce e nel frattempo rientra un ragazzo che era andato al bagno (suppongo) ed il prof se ne esce con un'altra perla "Anche questo, ma dai. Non potete uscire, dovete chiedermelo. Ma credete di stare a casa vostra? Con gli altri professori non fate così. Io vi devo rispettare ma la cosa deve essere reciproca." In realtà gli altri prof non c'hanno mai rotto le palle su questo.

Alvise al prof di algebra "ma lo sa che è un grande stronzo?"

All'ufficio informazioni lavorano persone che solo a vederle fanno impressione. C'è appunto Frankestein (perchè ha dei buchi in testa), il pirata (perchè porta una bandana) ed altri disadattati. Secondo Papagei quelli sono presi da qualche centro di disintossicazione ed io credo che ci siano buone probabilità che sia effettivamente così. Certo, anche in segreteria dove dovrebbero essere normali, ti fanno girare le palle. In due davanti ad un computer. Però all'ufficio informazioni è meglio non chiedere, bisogna andarci già imparati.

martedì 22 marzo 2011

Strateggismi sentimentali

Il corteggiamento dell'Albatro dura anche qualche giorno, oh le femmine mica stanno lì a pettinare le bambole. Il maschio deve essere cazzuto e fiero se no addio. Poi la coppia resta insieme tutta la vita, che teneri.

I Bonobo fanno sesso di continuo, in media una volta ogni ora e mezzo. Rapporti tra tutti i membri (letteralmente e non solo) del gruppo, escluso i legami parentali stretti. I Bonobo non fanno la guerra ai loro amici e non baciano mani a chicchèsia.

Insomma, i grandi (pirla) della terra dovrebbero farlo di più. Ho detto grandi quindi quello a cui state pensando è escluso. Però Obama, Sarkozy, Cameron...

Tra i Masai c'è una stupenda usanza. Prima del matrimonio la sposa viene ricoperta d'insulti e sterco di vacca, perchè la vita è difficile e la donna deve formare il suo carattere. I Masai hanno capito tutto, pensate se usassimo lo stesso metodo con la Santanchè (ammesso che ci sia qualche eroe disposto a sposarla).

Ieri l'altro è ricominciato il motomondiale e son tornate le indispensabili ragazze ombrello, che uno dice "cazzo corrono in Qatar  te credo che mettono gli ombrelli!" Peccato che le gare fossero di sera quando anche in Qatar il sole non c'è. Casey Stoner la sua ombrellina la fa vestire, visto che è la fidanzata. Le donne sono l'unico esempio di femmina del mondo animale che sceglie di umiliarsi.

Ieri ho preso il solito autobus stracolmo (infatti s'è pure spento davanti al cimitero): troppa calca. Nella confusione m'è finita una mano sul culo di una mora e poi di una bionda. Entrambe non hanno detto niente nè mostrato segni di fastidio. La mora aveva un culo morbido infatti m'è dispiaciuto togliere la mano quando mi sono accorto del contatto. La bionda lo aveva sodo.

C'è una signora in paese che ha superato i 40 da un pezzo ed ogni mattina la trovo alla fermata dell'autobus intenta a specchiarsi e truccarsi. Questa tutte le volte che l'ho vista è (era) in gonna, perfino quando stavamo in tendopoli. Pure quando fa freddo (qui 5 mesi l'anno). Sale sull'autobus e continua a truccarsi, è convinta di avere una bellezza fuori dal comune e di poter rimanere giovane? Non so, di certo quando apre bocca per parlare avrebbe bisogno di uno studio psichiatrico approfondito. Uno magari pensa "farà un lavoro in cui si deve mettere in mostra tanto è la moda ormai!" invece no. Lavora in un call center.

  
Chissà, forse troviamo il segnale del digitale terrestre cara!


sabato 19 marzo 2011

Pezzi di ricambio per martello demolitore

Stavo cercando pezzi di ricambio per accessori di un martello demolitore, metto la ricerca immagini su google (poichè le pagine web danno tutte accessori che non mi servono) e spunta questa. Vabbè non faccio commenti perchè è meglio non sparare sulla Croce Rossa.


Poi levando il termine accessori rifaccio la ricerca e compare un fotogramma hentai, che non incollo qui per non urtare la vostra sensibilità. Insomma una bella giornata del cavolo, cominciata scoprendo una delle gomme della nostra automobile a terra, squarciata. Mio fratello che ne sa sicuramente di più di me, dice che è scoppiata perchè è vecchia. Io ho subito pensato ad un attentato visto che il nostro vicinato è molto grazioso.

A proposito, negli ultimi giorni tanti discorsi sulla fine del mondo. Avete sentito anche voi "Eh le torri gemelle l'11 settembre, l'attentato in Spagna l'11 marzo e il terremoto bla bla l'11 marzo. Poi 21/12/12 se lo sommi fa 11." Si ci manca solo che è morto anche il tronchetto della felicità l'11 agosto. Questi discorsi li sento alla fermata dell'autobus e ci può stare, considerando le vecchiette ignoranti che non hanno un cacchio da fare e trovano qualsiasi cosa per spettegolare, usandoti come interlocutore passivo. Questi discorsi li sento all'università e non ci può stare, perchè da gente illuminata mi aspetto altro.

Per esempio discussioni sul Grande Fratello (leggasi Nando)! "Eh ma Alessia Marcuzzi perchè veste bianco se è incinta ?" Già, queste sono le grandi domande che tutto il mondo accademico si fa senza trovare una risposta. Sono in una famiglia di fumatori, un covo di tossici di primo livello. Mio padre consuma almeno un pacchetto al giorno. Oggi so andato a comprare le "Pall Mall centos blu" (?), per modici 3€ e 80 centimetri. Dico, perchè non ci scrivono "il fumo rende poveri"? Magari la gente ci pensa prima di comprarle. Leggo sempre a caratteri cubitali IL FUMO UCCIDE- IL FUMO PROVOCA TUMORI (allora sulle automobili dovrebbero scrivere  CAUSA PIù MORTI DELLA ZANZARA TIGRE). La scritta più bella è quella che dice FUMARE DURANTE LA GRAVIDANZA PUò ESSERE PERICOLOSO PER IL BAMBINO. Quindi gli uomini possono fumare sempre, le donne possono consumare solo quando non sono gravide.

domenica 13 marzo 2011

Fare il pornodivo non conviene: c'è crisi

Tale Nando del gf 11, è stato seguito per qualche giorno da Le Iene. Il baldo giovine, originario di Pomezia si vanta di essere l'unico personaggio famoso della città. Parla un italiano stentato e fa tanti soldi solo con la presenza. Lo pagano 1500 euri per stare in discoteca a urlare qualche fesseria al microfono e firmare autografi a delle esagitate integraliste catodiche. 10000 euri per fare qualche foto. Lui dice che vuole vestire 'firmato', ribadisce che ama Margherita mentre le sue fans lo sbaciucchiano. Scopriamo che è sessista e che se non fosse che è diventato famoso senza fare un cazzo e continua a non fare un cazzo diventando sempre più famoso, sarebbe pure simpatico. Io penso a quelle che in discoteca urlano "sei grande": mi spiegate cosa mangiano? Quello è stato qualche giorno chiuso in una casa a scopare, bestemmiare (pare che sia di moda in tv) ed emettere peti circondato da decine di telecamere e microfoni per la gioia di tanti tele-rimbambiti e sarebbe un 'grande'?

Franco Trentalance invece, parla di cose serie. La crisi del porno. Tutta colpa di internet dove puoi diventare cieco senza pagare. Il grande (in tutti i sensi) attore ci racconta che è difficile fare il pornodivo perchè lo devi tenere duro anche per 3 ore di fila senza venire. Poi dice che si ammazza di seghe per rimanere in allenamento e che la sega può essere di tre tipi: immaginifica, commemorativa, didattica. Immaginifica quando vedi una bella passera per strada e torni a casa, ci pensi sù e parti con l'arnese. Commemorativa quando ripensi a vecchie scopate. Didattica quando usi testi, fumetti, video. Non è importante la lunghezza e questo lo sapevamo già. La vera chicca è che nel porno l'uomo è oggetto. Del maschio viene inquadrato solo l'organo copulatore mentre sulla donna si concentra tutta l'attenzione. Insomma, Trentalance si lamenta tutto il tempo ma cosa dovrebbe dire un operaio della Sevel di Atessa? E poi questo scopa con delle fighe pazzesche migliaia di volte l'anno perchè ha una carica erotica e una tendenza esibizionistica elevate, allora dov'è il problema? Hai voluto la bicicletta, mo pedali.

 
Un nuovo modello di bicicletta

 Ieri una mia collega academica su Scarfacebook mi chiede "L'8 marzo hanno lasviato delle mimose sulla macchina di Ale, sei stato te?" - "No, non so nemmeno che macchina abbia". E poi che pessimo gusto, abbinare le mimose ad un automobile! Perchè dovrei averle messe io se non la amo più? NOn mi ha cagato per mesi ed ora dovrei mimosizzarla? comunque il fatto che qualcuno le abbia messo le mimose sul parabrezza non mi ha ingelosito per cui dopo aver avuto prova e controprova ora ho la definitiva conferma che il sentimento è svanito. Bene, ora posso usarla per scopi scientifici.

Ieri son stato a vedere la Tirreno-Adriatico, che passava a 3 km da casa. Ho fatto fatica a distinguere tra ciclisti e motociclisti. Quanta polizia ragazzi, una ventina in moto e almeno dieci vetture. Tutti soldi che Maroni potrebbe spendere diversamente. Curiosi quelli della corsa che danno i distacchi: arrivano dov'eravamo io e papà, il quale chiede "Scusi quant'è il distacco?" - "Ma questo è un bar? (dietro di noi)" - Io:  "Si" Papà: "Quant'è il distacco?" - "è un bar?" Io "SIIIIIIIIIIIII".  Quanti sponsor.

Oggi sono stato al pronto soccorso, hanno tentato in tutti i modi di amputarmi il mignolo destro poi hanno optato per l'anestesia. M'han tirato via uno spino di Crategus di circa 1 cm. Bendaggio a non finire... ora per qualche giorno niente seghe. Forse è la volta buona che divento mancino.

martedì 8 marzo 2011

Super Giganti

Se c'è una cosa che mi scartavetra i testicoli alla grande, trattasi delle promozioni ai film. Non mi riferisco a quelle che stanno in mezzo ai programmi televisivi ma a quelle dentro i programmi televisivi. Non ne posso più di queste usanze. Venerdì è uscito Una vita facile con Stefano Accorsi e Pier Francesco Favino (già visti insieme in Romanzo Criminale) e i due protagonisti erano a Zelig. Mentre parlavano su canale cinque erano anche su La7 a Le Invasioni Barbariche. Domenica 27 erano da Fazio. Immagino che siano stati anche a Matrix, da Marzullo ecc. Magari so pure bravi eh, però che palle.

Accorsi, somiglia a mio cugggino (solo che lui è calvo e senza una lira) ma proprio tanto. Per altro ha iniziato con una pubblicità: ve ricordate il gelato (Maxi qualcosa Motta) tu gusti is megl che uan. Anche mio cugino iniziò con una pubblicità sempre in quegli anni: era delle Fonzies (per altro lunghissima perchè le pubblicità degli anni 90 duravano almeno 30 secondi) però ora lavora in un call center dove te cacciano quando gli pare.

Accorsi sta per compiere 40 anni e in tutte le trasmissioni glielo ricordano: embè? Cos'è un reato avere 40 anni? Eh ma ne dimostra 30! Te credo, con tutto quello che guadagna sai che cure. Comunque io se fossi donna o gay mi farei Favino che secondo me là sotto ha un favone.

Accorsi in Radio Freccia bel film, una delle poche cose buone di Ligabue. Accorsi in L'ultimo bacio (capostipite del genere mocciano seppur mucciniano) poi ha fatto altro. Nel frattempo s'è fidanzato/sposato(?) con Laetitia Casta (per gli amici Castà) dalla quale se non erro ha avuto un pargolo. La Casta fu valletta di Fazio al Festival e qui tutto torna.

Favino in Bartali, poi ha fatto un film fantasy (forse Le cronache di Narnia), mi ricordo anche un fim in cui si accoppiava frequentemente e bla bla. C'era pure in un film nel quale era il compagno di Luca Argentero. Accorsi ne Le fate ignoranti era l'amante del marito di Margherita Buy. Ecco, perchè tutti gli attori cazzuti di oggi fanno almeno un film in cui interpretano un omosessuale sfigato e dedito al sesso selvaggio che vive in una comunità di figli dei fiori di loto?

Un asteroide potrebbe colpire la terra tra tre anni. Cazzo dobbiamo rimandare la fine del mondo! Tranquilli, ci sono più probabilità che Giuliano Ferrara conduca il Tg3 vestito come Bianca Berlinguer. Per fortuna c'è chi si porta avanti col lavoro. Un allibratore inglese è pronto ad accettare scommesse: se il 21 marzo 2014 l'asteroide centrerà effettivamente la Terra con il conseguente annientamento di qualsiasi forma di vita sul pianeta, chi avrà giocato 1 euro ne guadagnerà ben 909.000. Eh certo, ma si può riscuotere prima, sulla fiducia?

Pare che un cliente abbia già scommesso e che in caso di vincità sia disposto a festeggiare in paradiso. Ma dai, con quel bacchettone comunista di Gesù e quello spione di Pietro cosa festeggi? Ma va all'inferno!

Ah, sabato i due attori li ho rivisti a Tv Talk in uno spezzone di Parla con me.  Ora manca solo L'talia sul 2.
Mi piace guardare le gare di coppa del mondo di sci alpino femminile: certe gnocche! Oggi per esempio ho visto il Super-G (dove mi son sempre chiesto se G stia per punto g).

 
Questa è arrivata terza oggi ma è prima nella classifica generale.

In India ogni anno si celebrano 10 milioni di matrimoni (cacchio, 20 milioni di sposi). Qui direi che stiamo sui 10 milioni di divorzi l'anno.

Pare che nei prossimi anni la povertà sarà sempre meno diffusa in India. Si trasferirà in Italia.

 
Questa è arrivata seconda

In India si consumano i 3/4 di tutto l'oro mondiale. Sarebbe meglio dire che lo consumano tutti i ricconi (6-7) che poi fanno cose utili per la società. Ad esempio la Tata Auto, l'automobile più economica del mondo. Che non è vero, perchè se vai allo sfascio vicino casa e chiedi una Duna di terza mano te la danno pure gratis.



Questa è arrivata prima ma è seconda nella classifica generale

Starete pensando che questa sia la solita scusa per postare  foto di donne mezze ignude. Può darsi ma per chi mi avete preso? Mica sono Lele Mora. 

Domenica ho visto una gatta andare sopra ad un gatto e mordergli il collo. Lui non la vuole. Cioè quella è in calore e sta a corto di maschi ma lui è poco più di un cucciolo anche se la stazza è notevole. Lei è una mangiagatti.
All'inizio era strano, io e mia madre stavamo mettendo in dubbio i loro sessi. Poi ho notato che effettivamente il tigrato ha i testicoli e la bianca non li ha. Quindi è proprio a secco.

Ora pure internet è pieno di pubblicità sotto forma di giganteschi pop up. Preferisco le pin up.

Non ne posso più della nuova canzone di Vasco Rossi. Eh già. La sento dappertutto (la usa pure la Gabanelli SIGH!) e la trovo sempre più stupida ma a casa non posso lamentarmi perchè sono tutti fan sfegatati. Possibile che quell'uomo a 60 anni faccia ancora dei testi così banali accompagnandoli ad una musica degna di un film di  Sandro Bondi?







mercoledì 2 marzo 2011

Bestiario namber for

Questa volta sono andato a pescare tra le chicche del giornalismo (si fa per dire) sportivo e di cronaca. 

I fantastici quattro
Roberto Gueli per 'La Domenica Sportiva'
"L'Udinese fa gioco" NON C'AVREI SCOMMESSO. (Palermo-Udinese 0-7)

Titolo della trasmissione 'Rossi di Vergogna'. Originali (l'allenatore del Palermo si chiama Delio Rossi)

Varriale (Stadio Sprint) fa la domanda del secolo al mister "Rossi, si sente in discussione?"

Bruno Gentili rincara la dose "Lei si sta autoesonerando". Ma saranno pure cavoli suoi, o no?

"CI COLLEGHIAMO IN DIRETTA CON GHEDDAFI PER LA PREGHIERA DEL VENERDì".
 (Francesca Nocerino, Tg2). Megalomane!

Special Guest
Ieri torna mio cugino a casa e mi chiede "ma tu quanti anni hai adesso?"

Sempre lui "hai visto che quelle del pdl so tutte gnocche? Mo pure al Tg1 ha messo delle fighe pazzesche."

 Mio padre "Cosa stai studiando?" - "Microbiologia"- "Idro?" - "Micro." - "Nitro?" "MICROOOOOO". Duro d'orecchi

The Berlusca Show (prima della partita contro il Napoli)
Il Milan è stato sempre penalizzato dagli arbitri comunisti che ci hanno tolto due scudetti. (La tiritera)

Ci vediamo il Milan per battere il sud. (Patriota)

Io tifo Inter quando gioca con altre squadre. (Pinocchio)

I tre moschettieri
Torniamo ai pezzi forti del calcio. Vincenzo Montella dopo Roma-Parma: "La Roma ha subito 24 gol negli ultimi 15 minuti ma non è colpa dell'allenatore nè dei giocatori". Trattasi di UFO o dei soliti comunisti?

Squadra del Bologna come succede spesso alla temperatura di Cuneo, non pervenuta. (Sampdoria-Bologna, Emanuele Dotto per 'Tutto il calcio minuto per minuto"). Meteorologo!

Se la partita fosse durata 5 minuti in meno ora staremmo a parlare di una grande Samp. (Italo Cucci dopo Sampdoria-Werder Brema). Se non è zuppa è pan bagnato

Vintage
50 anni fa in un paese vicino al mio c'era un rivenditore di pneumatici e ricambi per auto e furgoni, tale Manfredi che parlava l'italiano in un misto tra Di Pietro e Borghezio. Mio nonno mandava i suoi figli da quell'uomo per acquistare un pezzo. Mio padre:"Manfrè, ci serve una ruota del Pentarò." "Non ce l'hai". "Eh, infatti te la stiamo a chiede." "Si ho capito ma io non ce l'hai."
Un'altra volta disse a mio zio "Le spese di straporto chi li pago?" 

L'estate scorsa mia zia vide un vecchio in paese correre nei pressi di un sasso e gli chiese "Gualtiè, che è successo?" Lui la guardò e con fervore rispose "quando fa calde la serpo schizzo, schizzo!"