venerdì 28 ottobre 2011

Per chi dice che la chiesa è un'istituzione superata

Weltbild, un'importante catene di liberie tedesca fa affari soprattutto con libri per adulti. Pensate che più di 2500 libri venduti dalla casa editrice hanno contenuti erotici. Ok lo so cosa state pensando: che io li abbia letti tutti. Vi spiego come stanno le cose. Sono andato qua e ho scoperto che questa casa editrice è in possesso totale della CHIESA CATTOLICA.

"Le quote della società sono suddivise tra numerose diocesi tedesche, che si dividono i discreti guadagni che Weltbild realizza. L’anno scorso l’azienda ha avuto un fatturato di un miliardo e seicento milioni di euro, una cifra importante che supporta i bisogni finanziari del cattolicesimo tedesco."
Insomma, un modo rapido per passare dal Dio denaro al Dio maiale.
Diocesi tedesche... il papà è tedesco: oddio mica starete pensando quello che ho pensato io?!

scorrendo tra i titoli vedo che ci sono alcuni libri che stanno al cattolicesimo come un lanciafiamme sta alla salvaguardia dei boschi..

Figlia del peccato
(deve essere la classica storia di una ragazza che viene redenta, tipo Claudia Koll o Selen)

La ragazza di Mantova
(una che vuole diventare perpetua, potrebbe essere pure di Caltanissetta o Fiuggi)

Le rose delle lesbiche
(le rose perché essendo nel peccato devono pungersi e quando gli spini saranno finiti tornerano eterosessuali)

La mia prima volta. Quattro generazioni di uomini raccontano
(dev'essere una madre superiora che ne ha visti tanti... di novizi impacciatio nel confessionale)

50 semplici coise che le donne dovrebbero sapere sul sesso
(per esempio dire quattro ave maria prima di togliersi le mutandine e un pater noster se il cazzo è troppo grosso)

Riempirsi con lo Yoga nel sesso
(ah dev'essere la marca di Yogurt... cioè prima di farlo mangiatene a volontà, fate come se fosse il corpo di Cristo.)

10 segreti per il sesso veramente buono
(tra cui npon pensare a farlo per divertimento ma solo per procreare)

Dai ragazzi, presto la chiesa potrebbe sbarcare anche su Youporn!
 

martedì 25 ottobre 2011

Question time: amore a metà

Una persona tempo fa mi disse l'amore è una malattia che si cura solo con il vaccino.
Non ricordo in quale occasione mi fu detta quella frase ma io non l'ho dimenticata e ho cercato di capire mentre crescevo, quale fosse il vaccino. C'è chi sostiene che sia stupido stare male per amore. Eppure un sacco di persone muoiono (omicidi-suicidi); certo in quei casi l'amore anzi il concetto stesso è distorto.
Io sto vivendo di amore non corrisposto (che brutto termine ma non me ne viene in mente uno migliore); un caso particolare visto che la persona che vorrei accanto a me, mi ha amato fino a qualche mese fa. Sono rimasto in stand-by.

Non lo so come mi sento. Ci sono giorni in cui mi odio. Altri giorni in cui penso di essere molto forte. A volte penso di essere pazzo. Un illuso, eterno sognatore, chi vive sperando muore cagando, ecc... però ho capito che il vaccino sia semplice: innamorarsi di un'altra persona. Ma io da buon masochista e fatalista quella persona non ho voglia di cercarla e so che prima o poi capiterà magari nel momento sbagliato.

Credo che a qualcuno di voi sia già capitato di amare e non essere amati: che cosa avete fatto? Vi siete prodigati per ammazzare il tempo e non pensarci, siete rimasti ad aspettare, a fare serenate, vi siete laureati in stalkerologia?

E più in generale, secondo voi è meglio amare sempre oppure in questi casi sarebbe meglio dare linfa alla ragione?



domenica 23 ottobre 2011

Фемен: quando le tette diventano forma di protesta


Una nuova forma di protesta? No è già stata usata ma resta originale. Indignados di tutto il mondo, guardate un po' che fanno quelle di FEMEN. Chi sono? Giovanissime, spesso tra i 18 e i 20 anni. Studentesse. Ci sono le iper-gnocche con km di gambe ma anche le ragazze "normali". Hanno in comune una cosa: la forma di protesta. Alzano la maglietta e mostrano le tette in luoghi pubblici come piazze o presso le sedi di ministeri. Tutto questo lo fanno sfidando il freddo che in Ucraina è un bel problema. Sono mosse da una profonda indignazione per il turismo sessuale.

Io non sapevo che anche in Ucraina ci fosse turismo sessuale. Ne avevo sentito parlare riguardo alla Thailandia dove vanno un sacco di italiani tra cui molti pedofili (spesso le ragazze sono bambine). Le attiviste di FEMEN sono state arrestate molte volte ma appena hanno l'occasione si spogliano e gridano come pazze.



Si stanno opponendo anche allo svolgimento dei campionati europei di calcio che l'anno prossimo dovrebbero avere luogo nel loro paese e in Polonia (e dietro c'è una storia di mazzette). Sostengono che il pubblico in gran parte maschile approfitterà della situazione per andare a puttane. Badate bene, parliamo spesso di ragazze minorenni costrette da qualche pappone a fare quello che fanno. Non è che se la prendano con le prostitute che scelgono di farlo.



Questa nuova forma di femminismo sta per diventare un vero e proprio movimento politico, che si presenterà alle prossime elezioni pseudo-democratiche in Ucraina. E non solo, le scatenate ragazze hanno in mente alcune comparsate in altre città europee. Tra cui ovviamente Roma anzi, per essere precisi bisogna dire Città del Vaticano. Una sorpresa per il papa. 
Io non sto più nella pelle: ve lo immsaginate il papa rivolto alla piazza durante l'Angelus e queste che sbucano dal sagrato magari munite di impermeabili e poi...

sabato 22 ottobre 2011

Sic transit mondial casa



Il parere di un esperto sul filmato hard con protagonista Belen Rodriguez "non c'è erotismo, lei mastica una gomma mentre fa un pompino" ha detto Rocco Siffredi mentre una collega masticava un'anguria tra le sue natiche.

Vicino Imperia un prete ha contratto la malattia del bacio: l'ennesimo caso di incidente sul lavoro.

Usa. Donna costringe sua figlia di 6 anni a filmarla durante un'orgia. Ora la bambina vuole la fornitura a vita di Ken. 

In Inghilterra grande novità, arriva la tassa sugli interventi di chirurgia plastica. Chi si rifà le tette pagherà 1000 sterline in più. Lievitate gente, lievitate!

Morto Gaddafi (è così che si scrive in arabo): ora chi cazzo glielo spiega a Berlusconi come finisce il bunga bunga?

Italia. Un intero ospedale bloccato per ore per trasmettere in diretta il parto di un ex concorrente del grande fratello. E non è ministro nè sottosegretaria.

Ora con la nomina di Visco alla banca d' Italia abbiamo ben 2 membri su sei nel board della Banca Centrale Europea. Già, ma chi cavolo ce lo spiega cos'è il board?

I giovani fan dell'heavy metal hanno tendenze suicide perché lo ascoltano nel modo sbagliato: con le cuffie nel buco del culo.

Arrestato un giovane a Chieti per gli scontri di sabato scorso a Roma. Il prossimo potrebbe trovarsi a Tirana

Alta tensione in Val Susa per la manifestazione contro la TAV Torino-Lione. Pare che stia arrivando er polenta.

Piove e la città eterna diventa transitabile solo per i natanti. Non è la prima volta che Alemanno esce da casa con il panfilo.

Indagato D'Alema. Ha viaggiato gratis sugli aerei di un suo amico che è anche il capo della sua fondazione che morse il gatto che si mangiò il topo che al mercato per due soldi mio padre comprò.

Renzo Bossi ha le idee chiare "la padania comprende anche l' Emilia-Romagna e la Toscana". La geografia secondo CEPU.

Il trota è stato intervistato nel programma Le Invasioni Barbariche. Condotto dal compagno Attila.

Ultima pubblicità Ford. "Un'auto che riconosce i segnali, da sola. Un auto che sa spegnersi e accendersi, da sola. Un'auto che si parcheggia, da sola. Un'auto che lascia a te solo il piacere di guidarla."Licenziate Morgan!

giovedì 20 ottobre 2011

Uno statista in meno



Ho visto delle immagini oggi e me ne sono tornate altre in mente. Poco più di due anni fa, tra l'8 e il 10 luglio qui c'è stato il G8. Si doveva fare qualcosa per farci apparire, il grande puttaniere doveva trovare un colpo a effetto per rimediare le mignotte da mezzo mondo. Allora ha spostato tutto in due secondi dalla sardegna a qui, con buona pace dei sardi (che lo cercano per fargli lo scalpo). SApevamo che quella che volgarmente chiamiamo camorra avrebbe messo le mani su tutto e infatti la magistratura sta piano piano scoprendo cosa si nascondeva dietro il grande palcoscenico listato a lutto per dare una parvenza di solidarietà. Un carrozzone di faccendieri, affaristi, paperoni senza scrupoli, troie, cocainomani, nani di corte, lecchini e corrotti di vario tipo: insomma un classico del made in ITaly. Penso vi ricordiate le immagini di Obama che gioca a basket nella caserma (che tra l'altro non è una caserma ma la scuola ispettori e sovrintendenti) della guardia di finanza. I giri in centro dei "grandi". Le foto.

Però c'era uno di questi un po' sopra le righe. Un certo Muammar Gheddafi. Per arrivare in città non era passato dall'autostrada (era un paranoico della peggior specie)  ma da strade secondarie, e tra una grattatina e l'altra se n'è andato a fare dei giri tra le nostre montagne. Così si è innamorato di un piccolo comune con il quale prese un impegno mica da ridere: la creazione di un centro turistico rinomato con ben 16 milioni di euro di investimento. Passati un po' di mesi ha cambiato idea (era fatto così) e quel paesino se l'è presa nei fondelli. Oggi ha implorato di non essere ucciso: sapete tutti come è andata.

E poi le immagini della suia uccisione, della festa intorno al cadavere... mi fa sembre ribrezzo vedere certe cose. Anche se era un essere spregievole, del quale forse non sapremo mai con esattezza tutti i crimini (chi comanda nel mondo li conosce a puntino ma questa è un'altra storia). Il solito copione con l'occidente che prima t'aiuta e poi t'infilza. Quelle immagini mi fanno pensare al filmato terribile di Piazzale Loreto, con i cadaveri di Mussolini e della sua amante presi di mira da chi fino a poco tempo prima li osannava. Vabbè, detto questo non biasimo quei libici che oggi festeggiano: fossi al posto loro avrei fatto la stessa cosa se non di peggio; il problema è "come sarà il futuro della Libia?"

Qualche mese fa, una battuta Enrico Bertolino subito dopo l'inizio della rivolta: "siamo l'unico paese del nordafrica a non essersi ribellato". Non era proprio una cosa da ridere.




Anzitutto vi ringrazio per la qualità delle domande, ad alcune devo rispondere con a fianco il mio avvocato.

Emanuele:

1)Cosa significa per te il blog? 2)Mentre scrivi, cosa provi? Sei sempre preda di un delirio emotivo o esso varia a seconda del post? 3)Mentre scrivi mangi? 4)Mentre scrivi bevi? 5)A quante mie domande risponderai in maniera cattiva?

1) Da questa risposta dovresti capire se vale la pena leggermi ancora oppure no: accidempoli! Io ne ho parlato qualche settimana fa (non mi ricordo in quale post) ma ti faccio un breve riassunto. All'inizio il blog era solo un posto in cui fare ironia sugli stereotipi legati al sesso, ai discorsi da bar e al mondo dei vip. Poi mi sono innamorato e ho cominciato a scrivere racconti erotici e anche poesie, ho cercato sempre di mantenere una linea divertente però era un blog secondario. Con il tempo è diventato il mio blog più seguito e ho scoperto che lo "curavo" parecchio e che mi ero affezionato a diversi lettori. Ora sono innamorato come tutti sapete e molto di quello che scrivo deriva proprio dal sentimento che sto provando, da quello che mi attraversa. IL blog è importante perché posso confrontare le mie idee con quelle di altre persone.

2) Dipende dall'argomento del post. Posso essere eccitato, disgustato, entusiasta, incazzato, felice, esterrefatto. Cosa intendi per delirio emotivo? Se significa vivere delle forti sensazioni e poi  trasmetterle a voi, sì.
3) Di solito no
4) Di solito no.
5) Stavolta 0 cattiveria.

White Rose:
1)Qual è il tuo concetto di tradimento? 2) Tradire e mentire ? o tradire e confessare? (non rispondere non tradire affatto che è troppo facile come risposta!) 3)Allora ..niente domande sul tuo banco posta... se vuoi ti do il numero della mia postpay? :))) 4)Il tuo colore di capelli?

1) Più o meno come il tuo. Per me il tradimento è anche se io per scherzare scrivo a una donna che magari non vedrò mai "vorrei leccartela"; allora la mia donna dovrebbe prendermi e sputarmi in faccia. Sono un po' all'antica per quanto riguarda questo concetto.
2) Tradire e confessare.
3) Preferisco le tue misure.
4) Nero

Anonimo:
1) quante volte hai pensato di andartene dopo il terremoto e per quali motivi sei rimasto? 2) che scelta sbagliata hai fatto due anni fa?

1) Non ho mai pensato di andarmene.
2) Iscrivermi all'università

martedì 18 ottobre 2011

Open Post

Cambio postazione. Mi metto sulla sedia del sospetto  appena catturato dagli sbirri. Era da un po' che ci pensavo, avendo visto che in parecchi blog c'era questo esperimento ma quello di White Rose è diverso; si avvicina a ciò che voglio fare io. E si è accesa la fatidica lampadina. Fatemi delle domande ma con alcune condizioni.

1) evitate domande su indirizzo di casa, codice fiscale, banco posta
2) evitate domande sull'igiene personale
3)  Evitate domande sulla targa dell'automobile

Patti chiari e inimicizia lunga. Il post rimarrà aperto e io risponderò con altri post (a seconda di quante saranno le domande). Ognuno di voi può fare più di una domanda.

Le risposte qui

Question time: tradimento



Alcuni di voi troveranno questo argomento decisamente banale. La domanda potrà sembrarvi scontata. Io pensavo che il concetto fosse uguale per tutti ma con il tempo ho scoperto che non è così. Ho scoperto che "tradimento" vale per tizio ma non vale per caio. C'è chi si ammazza e chi se ne frega.

Per cui, quando ci sono i presupposti per parlare di tradimento?

lunedì 17 ottobre 2011

Semplificazioni

Una delle peggiori abitudini di certi giornalisti è quella di semplificare tutto. Al tg di La7 che dovrebbe essere il migliore tra quello delle reti generaliste (cioè il meno condizionato dall'esterno) sono due giorni che mandano in onda dei servizi dal titolo "chi sono i violenti che hanno devastato Roma?". Bene, ogni volta esce questa foto


foto(22)

Allora, quel simbolo tutti sanno che è il simbolo degli anarchici. Però non vuol dire che se tu sei bravo a fare una A con il cerchietto sei anarchico. Sono tra quelli che credono che gli anarchici veri non si mettono a spaccare vetrine o tirare sanpietrini contro i poliziotti. Ma a un certo tipo di giornalismo fa bene far passare gli anarchici per delinquenti, male assoluto, cancro da estirpare. I teppisti non hanno colore. Vogliamo semplificare? Ok allora tutti quelli di estrema sinistra sono violenti, quelli di estrema destra pure. Tutti i preti so dei furbacchioni. Tutte le belle ragazze so troie. Tutti gli uomini pelati hanno il cazzo lungo. Tutti i bambini fanno oh.

Semplificatemi sto cazzo!

sabato 15 ottobre 2011

Sterilizziamo le madri dei cretini prima che sia troppo tardi (AGGIORNATO DOPO LA PUBBLICAZIONE)



"Altra pagina triste della nostra Storia dovuta a facinorosi di sinistra. Era inevitabile che finisse così: menti facilmente suggestionabili dalla televisione se ogni giorno si vedono propinare sia sulla carta stampata, sia su tutte le televisioni (lunedì Lerner, martedì Ballarò, mercoledì Matrix, giovedì Formigli, venerdì Paragone, sabato Bernardini e Fazio, e domenica Fazio e Iacona) programmi che incitano alla violenza contro il Presidente del Consiglio, è inevitabile che poi si sentano legittimati a comportarsi in questa indegna maniera. I media possono diventare un mezzo di grossa pericolosità, specie sulle menti con meno cultura e più influenzabili, come storicamente sono gli elettori di sinistra. Dopo episodi di questo genere, a parer mio, si dovrebbero prendere provvedimenti anche sui politici che hanno incitato alla violenza, come tutti quelli dell'IDV, SEL e parte del PD.
L'amore però vince sempre sull'odio, e anche stavolta sarà così."

Queste parole le ho lette qui. Ovviamente mi viene il dubbio che a scriverle sia stato uno del pdl, insomma uno scagnozzo del santo papi (dato che il blog in questione gliele suona di santa maniera). Un dubbio dicevo, già perché la mente illuminata che le ha scritte è Anonimo. Ti pareva. Tra l'altro il commento non ha niente a che vedere con l'argomento del post.

Mi ha colpito la stupidità di questo ragionamento, perché di commenti anonimi se ne leggono tanti ma non mi era mai capitato di leggere delle stronzate del genere. Ebbene, il tizio indica dei programmi televisivi che incitano alla violenza contro Berlusconi. Mi pare un'antifona che va di moda tra i falchi del pdl. Però ci vuole fantasia a mettere pure Matrix (che va in onda su canale5) e il programma di Paragone (che era direttore del giornale della Lega) tra gli "incitatori". Dai nemmeno Capezzone potrebbe inventare una fesseria così grande.
Bene, gli elettori di sinistra sono meno acculturati e più influenzabili dai media. Sbaglio o sono soprattutto quelli che votavano DC ad essere caduti nella trappola del pappone brianzolo proprio grazie alla tv? Sbaglio o sono le stesse persone che accusavano la sinistra di detenere  il "primato culturale"?

Dire che le menti facilmente suggestionabili dai media in questo paese sono di sinistra è come affermare che nell'azienda in cui si allevano ovini gli individui che danno migliori rese di latte sono maschi!

Oggi domenica 16, arrivano parole da autorevoli esponenti del partiuto dell'amore come supporto delle tesi di questo "Anonimo". Gasparri dice che sono i partiti di estrema sinistra ad aver fornito caschi, mazze, spranghe e bazooka ai teppisti. Cicchitto dà la colpa a "certi imprenditori e banchieri" ovvero Della Valle e Draghi.

C'è ancora da scavare?



Solo perché è sabato sera, vi regalo una perla. Per il resto, se proprio volete farvi del male, accomodatevi.
Ah, naturalmente il genio che ha fatto i soldi con questi prodotti non è stato mosso dalle recente vicende di cui tutti sappiamo. Ci mancherebbe!

venerdì 14 ottobre 2011

La mia prima mezza volta

C'è un giorno nella vita di ogni adolescente (da Timbuctu a Vladyvostok) che rimane impresso nella mente per sempre. La caduta dell'ultimo dente da latte? No. La cresima? No. A dire il vero più che di adolescente dovrei parlare di uomo, perché da quanto ne so alcuni hanno provato questa "prima volta" dopo i 20 anni.
Sto parlando della prima sega!

Io me la ricordo bene, ricordo i preparativi, l'atmosfera, le sensazioni pre e post. Era il 3 gennaio di tanti anni fa (pochi per la scienza), avevo poco più di 14 anni ed erpo totalmente inesperto in materia. Ascoltavo i discorsi dei miei coetanei su "cappella" - "sborra" e non capivo nulla. Quel giorno ero solo in casa: i miei genitori stavano in Svizzera e mio fratello come al solito, contravvenendo alle loro disposizioni, era uscito con gli amici. Ero piazzato al computer, una bestia di computer. Comprato nel 97 mi pare e fu senza dubbio il nostro primo ordinatore elettronmico. Da qualche tempo avevo preso di mira un sito in cui c'erano le foto di tutte le conigliette e di tante pin-up. Era fico vedere la fica. Mi stupivo perché c'erano quelle rasate, quelle folte, quelle brizzolate e pure quelle che avevano una lunga basetta. Da diverso tempo venivano a trovarmi i miei amici, dato che ero l'unico ad avere internet, pensavano di potersi trastullare liberamente. Solo che un giorno beccai uno che si masturbava proprio davanti al monitor e m'incazzai buttandolo fuori di casa. Perciò quel giorno avevo deciso che sarei rimasto solo.

Avevo deciso che dovevo masturbarmi. Spruzzai profumi e lacche lungo il corridoio del piano di sopra (non chiedetemi il motivo) e fin dal pomeriggio mi piazzai sul famoso sito. Guardavo sempre le stesse foto che all'epoca erano anche troppo per i miei ormoni immaturi. La sera c'era un programma su Rai2, in cui era ospite Byron Moreno, il celeberrimo arbitro di Corea-Italia ma questa è un'altra storia. Verso la mezzanotte stampai le foto che preferivo: una di Victoria Silvstedt giovanissima (quando era ancora naturale e secondo me molto più gnocca), un'altra di Pamela Anderson. Checcevoletefà, sono cresciuto a pane e Baywatch (comunque anche quella era la versione comemammal'avevafatta) ma le foto che preferivo e sulle quali mi concentrai maggiormente erano altre. Stephanie Heinrich, Buffy Tyler, Nicole Van Croft, Jennifer Walcott.

Mi stesi sul letto con le stampe a colori e fissai intensamente quelle foto. Poi tirai fuori il piccolo predatore e lo toccai. NOn sapevo come fare. CRedo di averci messo 2-3 ore per fare uscire il liquido magico. SApete, quando ho visto la sborra che era bianchissima (come la carta igienica di cui mi ero munito per paura di sporare) mi sono sentito sollevato. Cristo quanta ne era. La prima sega è come il primo bacio. Un'emozione irripetibile.

giovedì 13 ottobre 2011

Ermetico. Il filosofo dell'utopìa



Informazione di servizio: il post non ha lo scopo di farvi ridere e non troverete domande. Per cui se non ve la sentite di continuare, premete la X.

Due anni fa ho fatto una scelta. Oggi so di aver sbagliato e non potendo tornare indietro devo guardare avanti. Con il bicchiere mezzo pieno. Negli ultimi anni ho iniziato a fare i conti con la vita da adulto perché se prima dei 18 lo ero solo dal punto di vista comportamentale, dopo lo sono diventato anche dal punto di vista anagrafico. Mi assumo, come sempre fatto, tutte le responsabilità. Solo che ora sono molto grandi e vanno affrontate con cautela. Istinto poco, lungimiranza tanta. Eppure una scelta lungimirante non ha pagato. Non avevo preso quella strada solo per convincimento personale ma questa è un'altra storia.

Con il passarei dei giorni, delle settimane, dei mesi mi sono reso conto che non potevo più continuare a sbattere contro il muro. Ho visto che ero davanti a un bivio e quando capita ci sono due possibilità; stare fermi a riflettere oppure scegliere una strada. Ho riflettuto abbastanza e oggi ho preso una decisione importante che avevo maturato da tempo. Mi sento meglio.



martedì 11 ottobre 2011

Nella grotta

Sono vicino al lago. La vegetazione intorno è quella tipica delle aree salmastre nella macchia mediterranea: molti salici, dei pioppi e tanti arbusti. L'acqua non è limpida; so che si può fare il bagno ma stranamente non c'è nessuno. Allora penso che posso spogliarmi completamente ed entrare con calma per godere di quel posto e di quella atmosfera. Mi tolgo la maglia, la poggio su un sasso e quando mi giro tutto è cambiato: cos'è successo? Non ci sono più alberi nè il cielo azzurro. Vedo una volta da cui cadono alcune gocce. Umidità? Sono in una grotta.
Il lago però c'è ancora ma non è quest'ultimo ad attirare la mia attenzione.

Davanti a me ma presso la sponda opposta c'è una donna, è lontana almeno 300 metri in linea d'aria eppure le vedo benissimo il volto. Cavolo che sventola! Devo avere lo zoom nel cristallino perché una cosa del genere non mi era mai capitata. La vedo sorridere. Ha capelli mossi che le arrivano poco sotto le spalle (o almeno questo è quello che sembra). Gli occhi hanno lo stesso colore della volta della grotta. Veste solo un accappatoio bianco. Ma cosa fa? Se lo toglie. No, lo apre un po'. Mostra il seno destro, mi fa l'occhiolino e si massaggia il capezzolo. Ride sorniona. Sento l'eccitazione preme nei pantaloni: è mia vado a prenderla. Cammino senza perderla di vista e continua a sorridermi.

Le arrivo a pochi metri di distanza e noto altra gente poco più lontana e ancora nella sponda in cui stavo ad ammirare quella bellezza. Che strano. Non me ne frega molto, io voglio prenderla. Mi avvicino , faccio per cingerle la vita e mi sussurra "hai salviette?" - "per cosa?" - "non mi piace la barba". Devo radermi in qualche modo. La guardo: è stupenda. Ho troppa voglia di baciarla. Entro in una fenditura nella roccia per cercare qualcosa di tagliente ma non trovo nulla. Esco e lei non c'è più. Non c'è nessuno. Mi è piaciuto lo stesso. Grazie chiunque tu sia. Bella. Bellissima


La bellezza femminile è il punto più vicino fra il genere umano e l'eternità (Emil Kusturica)

Question time: omosessualità tra gli altri animali

Avevo in mente un post di un altro tipo ma mentre camminavo è capitato un evento inedito, almeno ai miei occhi. C'è una zona in cui un tizio lascia spesso dei cani liberi e qui si dice che siano cattivi. Beh oggi quando mi sono avvicinato a quel luogo, un cane lupo mi è venuto incontro. Uno con una brutta fama. Inizialmente abbaiava e sbraitava, poi mi ha annusato e si è lasciato coccolare. Niente di anomalo. Dietro di lui compare un piccolo meticcio e che fa? Sale anzi cerca di salire in groppa all'altro; tutto con il cazzo di fuori e il gesto della penetrazione. L'altro ovviamente non alza la coda ma non dà segni di irritazione.


Allora mi sono ricordato dell'anno scorso, quando davanti casa 'erano spesso due gatti ingarbugliati. Quello sotto per niente sottomesso e incazzato nero. Un comportamento strano per una femmina, difatti scoprimmo che era un maschio. L'altro tentava di sodomizzarlo.Invece qualche anno prima una papera maschio (per la precisione Germano Reale) tentava di accoppiarsi con il figlio! Pure incesto eh.
Insomma io non ci capisco più nulla; c'è chi dice che tra gli altri animali l'omosessualità non esiste, la scienza riconosce certamente diversi casi tra i primati e alcune specie di uccelli se non erro. Però secondo voi quel cane lupo non si è incazzato perché sa che il piccolo meticcio senza femmine è come Rocco Siffredi quando s'era ritirato dal porno cioè che avrebbe scopato pure un lavandino? Oppure anche i cani, i gatti e le anatre sono ogni tanto omosessuali?



Question time: fidanzamento

Ho molti dubbi soprattutto in questo periodo della mia vita. Dubbi su vari argomenti, vari temi. Qualcosa che resta per i cazzi miei, altro che ho bisogno di chiarire qui. Penso che sia opportuno ch'io vi faccia delle domande  ogni tanto e mi dovete rispondere sinceramente. Ho una gran confusione in testa. Non badate alla parola ma al concetto. L'argomento odierno è il fidanzamento. Una mia grande amica (o meglio lei dice di esserlo ma io la vedo come una persona molto più speciale di un'amica ma questa è un'altra storia) non parla mai di fidanzamento. Anche quando cita il su ex dice "il padre dei miei figli". Quando era innamorata di me per Lei ero comunque un amico. Dice che un amico si può amare, che con un amico si può anche scopare. Io francamente non credo di avere amici cioè persone delle quali posso fidarmi al 101%. Non so cosa sia l'amicizia ma pure questa è un'altra storia.
Il concetto di fidanzamento cambia a seconda dell'età e del periodo storico-sociale. Da piccoli quando vediamo due persone mano nella mano pensiamo "ecco due fidanzati". Da piccoli associamo il termine "fidanzamento" ad alcuni gesti precisi, come il bacio sulle labbra. Non può esser dato così... al primo che capita! Tutto il resto ci sembra strano. Ricordo quando mia sorella, che è molto più grande di me, parlava del suo "amico" che ogni volta era uno diverso. Non capivo. Mamma rideva. Poi ho capito. Oggi leggendo i blog, ascoltando le chiacchere di paese, non trovo quasi mai la parola "fidanzato/a". Ha perso di significato. Può essere un retaggio di quello che accadeva fino a pochi decenni fa nel belpaese, ovvero il fidanzamento ufficiale. Doveva essere qualcosa di pesante soprattutto quando non era voluto da nessuno dei due giovani. Essere fidanzato significava portare avanti un impegno eterno e indistruttibile. Forse è per questo che non si dice più "sono fidanzato" ma magari si usano altre parole "il mio compagno"- "il mio amico" ecc...
Penso che oggi non ci siano differenze tra un fidanzato e un amico (almeno a parole). Infatti pochi mesi fa quando mia madre, insospettita o curiosa fate voi, da tutte le telefonate che ricevevo mi chiedeva "con chi parli?" io le rispondevo "con un'amica"; anche se come scritto sù per me è più di un'amica ma non è una fidanzata. Un bel casino: pure io scopro di avere dei paletti nel cervello per cui quello che ieri era arancio oggi è rosso fiammante. Non so se mi sono spiegato bene ma non ha importanza.

Gay e lesbiche non parlano mai di fidanzamento, l'avete notato? Probabilmente proprio perché il conetto è troppo legato alla tradizione, all'antico codice religioso che tutti dovevanoi rispettare almeno a parole. C'è chi dice che "fidanzato" sia roba da ragazzini. In fondo per un adolescente è fico dire "quella è la mia fidanzata" magari pure solo millantata ma vale sempre per battere gli amichetti. Per le coppie non sposate ma in età pensionabile si usa più spesso il termine "compagno" e anche questo può essere usato in vari casi. A me non piace.

La domanda è: cosa pensate del concetto di fidanzamento oggi? Inoltre, quando amate una persona (senza tenere conto di convenevoli per presentazioni) vi sentite fidanzati?

lunedì 10 ottobre 2011

Giovinezza



Sono stato sorpreso da un annuncio istituzionale ascoltato in radio e non ho potuto fare altre che precipitarmi qui.


Il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, il presidente dell'Abi, Giuseppe Mussari, e il presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua hanno presentato in conferenza stampa le iniziative sui fondi di garanzia per l'accesso al credito per gli studenti universitari, per l'accesso al mutuo per l'acquisto della prima casa da parte delle giovani coppie di precari e per il bonus dedicato a stabilizzare i giovani genitori precari. I fondi sono stati promossi e finanziati dal Ministero della Gioventù nell'ambito del pacchetto di iniziative denominato "Diritto al Futuro".

Benissimo. Leggendo sono tornato indietro, ho riascoltato quella voce alla radio che dice più o meno "fondi per le giovani coppie" e basta. In fondo come dice Sassicaia Molotov siamo la succursale di Vatikan City per cui la coppia viene prima di tutto: prima dell'invividuo. Che se ci pensate è il contrario di ciò che stabilisce la Carta dei Diritti fondamentali dell' Essere Umano. Oibò.
Comunque il ministero della gioventù non crea facili illusioni, vedete che già prevedono fondi per coppie di precari (eh ci volesse che arrivi una coppia non precaria a chiedere dei soldi!). Leggendo i criteri per l'accesso al credito da parte degli studenti universitari potete notare che oltre a frequentare un corso qualsiasi basta avere un'età compresa tra i 18 e i 40 anni. Oggi se tutti gli studenti universitari andassero a chiedere questo fondo, lo stato italiano sarebbe in "default". Cioè c'è gente che sta da 15 anni fuori corso e può chiedere e ottenere fondi per cosa?

Però il punto più critico riguarda il bonus per giovani genitori precari (aridaje). In questo caso anche single. E io mi chiedo: perché devi essere una coppia oppure se sei single devi avere per forza un figlio per avere dei soldi dallo stato? Allora un uomo o una donna che magari lavora, si fa un mazzo tanto ma sta a casa dei genitori e non segue un corso di laurea; mettiamo che un giorno decida di andare a vivere altrove ma non gli interessa fare figli con qualcuno... perché questa persona non merita un aiuto? Sentiamo sempre i politici che si lamentano dei bamboccioni ma non si rendono conto che oggi tanti single non possono permettersi una casa pure se lavorano.

Merda. Scusate ma la dicitura "ministero della gioventù" mi fa pensare a quello che c'era non molti decenni fa. Facevano prima a chiamarlo "ministero dei balilla". C'è una buona notizia: a 18 anni si potrà divenire deputato della repubblica italiana (anche se sei single senza figli). Cioè all'età in cui lo stato dice che ogni individuo è maturo. Lo stato nelle cui istituzioni stanno un sacco di eroinomani.

Vabbè, in fondo conta sepre la famiglia. La bella famigliola del mulino bianco con l'alberello, il presepe. Il bue e l'asinello, la moglie-angelo del focolare che lava, stira e cuce tutto ovviamente con il sorriso a 58 denti. Il marito che torna ubriaco a casa e la riempie di calci in faccia. I figli depressi a 6 anni, obesi a 7, teppisti a 13. Ma sì, la famiiglia viene prima di tutto!

Se Steve Jobs fosse nato in Italia...

Dovevo dire qualcosa su questo personaggio molto discusso e certamente molto affermato. Ho visto che la tv parla quasi solo di lui oltre che di Amanda, Erika e vattelapesca. Su internet leggo i ianti della gente per la scomparsa di questo genio del nuovo mondo. Trovo interessante il parere di Danx

E' da poco morto Steve Jobs, ovvero una persona a cui dobbiamo molto in ambito telecomunicativo, ma anche una persona che per fare miliardi ha tirato fuori dal cilindro sempre più aggeggi elettronici producendoli in quantità industriali, tra l'altro in Cina in aziende lager, e perciò altamente inquinanti, che come ogni altro aggeggio simile (tv, computer, consolle, telefonini, mouse, casse stereo, mangianastri, videolettori, autoradio, ecc.), hanno infestato il mondo creando anche discariche tossiche in Africa con bimbi che, ignoranti del pericolo, aprono queste scatolette cercando pezzi di metallo da rivendere per pochi cents.


Non vorrei trovarmi nei panni di un fissato con la Apple, pensando a quanto si starà struggendo.


Che poi sono milioni quelli che muoiono prematuramente dopo una vita di stenti e sfruttamento, però non fanno mai notizie se non quando crepano in gruppo..

Non riuscivo comunque a trovare qualcosa da scrivere anche perché non ho mai avuto un prodotto della Apple, poi ho letto un articolo di Sandro Trento che è un professore di economia ed è stato direttore del Centro Studi di Confindustria (insomma non un pinco pallino laqualunque) e ho trovato l'ispirazione.
Trento parla, portando l'esempio dell'ascesa di Jobs, delle differenze tra Italia e Usa (ma anche tra Usa e il resto d'Europa) per quanto riguarda il mondo del lavoro affrontato dai giovani. Ho dedotto che...

se Jobs fosse nato in Italia...
1- sarebbe ancora vivo ma precario in un call center
2- sarebbe in cassintegrazione con due figli a carico e un affitto da pagare a fine mese
3- si sarebbe suicidato dopo l'ennesimo "no" della banca a 27 anni
4- sarebbe diventato famoso grazie al Grande Fratello (poi dopo 5 mesi chi s'è visto più)
5 - avrebbe fatto il portaborse di quel politico a 2000 euro al mese in nero, con disponibilità totale
6- si sarebbe laureato in qualche corso del cazzo 10 anni fuori corso
7- lavorerebbe in una pizzeria gestita da un turco con orario continuato in quanto sguattero
8 - si chiamrebbe "Stefano Posti di Lavoro"
9 - avrebbe ucciso qualcuno durante un gioco erotico ottenendo 15 minuti di celebrità quotidiana
10 - sarebbe diventato produttore di film porno e di conseguenza arrestato per avviamento alla prostituzione
11- sarebbe sceso in campo in un partito riciclato usando vecchi slogan ovvero enormi menzogne vendute per verità assolute


ma ora veniamo alle note positive: Se fosse nato qui
1- ci risparmieremo 10 miliardi di gadget mobili stimati per il 2020
2- tanto lavoro nero a condizioni disumane in meno nei paesi sottosviluppati o in via di sviluppo
3- niente coglioni che ti dicono "ah-ah se non hai l'ipad non sei nessuno"
4 - ridotto inquinamento da nuove tecnologie
5- calo drastico dell'obesità: sai quante person hanno rinunciato alla camminata quotidiana per smanettare sui prodotti Apple?
6- soprattutto faremmo a meno della pubblicità che dice "se non hai un aifon non hai un aifon". E sti grancazzi!

Ma per sua fortuna il signor Jobs è nato negli Stati Uniti d' America, dove chiunque può realizzare i propri sogni. Dove anche Cassano sarebbe presidente di una cazzo di società mega-miliardaria. Per sua fortuna Jobs ha vissuto una vita piena e sicuramente è morto felice: ma ora basta con i piagnisdei collettivi dei bimbiminkia.



sabato 8 ottobre 2011

Cosa Vostra

 Devo dire che quando mi vengono certe idee mi faccio i complimenti da solo. Questo è il primo post firmato da me che non ho scritto io. Tutta Opera Vostra. Sono andato a spulciare nei blog che seguo di più, quelli che leggo e apprezzo, quelli da cui vorrei pubblicità e un giardino incantato pieno di vergini suicide. Ringraziamenti in ordine sparso (perché quello vero sta a Voi indovinarlo): Setarossa, magneTICO, Bad Hands, White Rose, Sassicaia Molotov, Sogno, Dea, petrolio-muso, Kamala, DanX, Ernest, Venerdì Sushi, Cunny Lover, MInerva Jones, Xtc. Ora va detto che ho preso e incollato dai blog che seguo con più affetto e alcuni sinceramente ci sono arrivato per associazione di idee. Però se l'esperimento risulterà gradito in futuro potrei provarci con altri blog.

L'ho fatto anche per vedere com'è lo stato della vostra memoria, perché non tutti i pezzi di post sono recenti (alcuni vecchi di mesi). C'è chi ho citato poco ma semplicemente per comodità, per vedere come si incastrava quel pezzo nel contesto generale. A me sembra che a volte il nesso ci sia, altre volte invece si nota che non c'entra un cazzo un paragrafo con un altro. Buona lettura, il post fatto da Voi a Vostra insaputa!


Arrivano coi macchinoni, quelle monovolume orrende del cazzo, loro col loro caro figlioletto (4 metri di plastica per fare 200 metri), che, forse avrebbe tutto il piacere di farsi una camminata e rovinare quelle scarpe da 70/ 80 euro acquistate per camminare non certo per esser solo guardate (mi sa che è così, sarà che mio figlio distrugge un par di scarpe al mese e ci CAMMINA PURE SOTTO LA PIOGGIA).
Parlavamo di gesti di un certo peso. E siamo non ad una qualche azione violenta che so, un assalto alla Questura (pare che il brand sia tuttora detenuto dai tifosi daa Lazzio) ma di una autocensura da parte di anonimi e ad una battuta di un industriale... come se venire a vedere i nostri blog fosse cosa sporca, un affare da lasciare ai più perversi perché loro son persone serie e non perdon tempo con queste cose. E ovviamente anche le donne si sono unite al coro
E i morti bruciati vivi della Thyssen Krupp di Torino, o quelli della strage di Viareggio (treni)? Non erano forse persone che vivevano nel moderno Nord dove tutto dovrebbe essere sicuro e sotto controllo?


 Comunque l'ha fatta così tragica, che mi ci ha fatto credere anche se il dubbio che fosse tutta una messa in scena non mi ha abbandonato neanche un secondo.
Quando ho cominciato a sbirciare sui siti bdsm, credevo molto al concetto di appartenenza come amore assoluto, protezione, salvezza, ad uno per sempre, all'anima gemella, ecc ecc. Poi si cresce, o comunque si prende consapevolezza di quello che si è, che si è capaci a dare, e che si vuol ricevere. E allora che si fa? Si fa un bel sorriso e di fronte a certe cose, si continua a pensare che siano tanto belle, ma che nella chiave della favoletta di Cenerentola, non fanno per me.
Quello che dovremmo tenere presente noi pudichi che a volte ci sentiamo inadeguati perchè siamo circondati da persone che sono, o dicono di essere, molto più disinibite, erotiche, passionali o porno di noi, è che noi siamo noi.
Essere noi stessi sempre, senza fingere o senza cercare di imitare gli altri perchè risulteremmo patetici.

La gente sale sugli autobus e rimane in tensione perchè aspetta l'arrivo del giudice per passare la prova del nuovo reality... "Chi sopravvive al servizio pubblico?"... attendendo la voce fuori campi dire "stop alle telefonate!".
E boh… mi sono venuti dei seri dubbi. Delle perplessità che non riesco a dipanare. Perché non sono proprio sicuro che la cosa abbia un cazzo di senso. Che non sia del tutto vana. E la prova di ciò potrebbero essere proprio le nutrite testimonianze di vicinanza e solidarietà di papi, presidenti, primi ministri e coglionazzi vari.
Per chi fosse curioso di sapere come sia andata a finire la storia di Ruskin, la moglie chiese l'annullamento del matrimonio, nonostante avesse l'onere di dimostrare, attraverso imbarazzante esame medico, di essere ancora vergine. Allo stesso modo, se esistono sì istruzioni per relegare immediatamente nell'oblio il passato e il dolore che ci ha arrecato una relazione ormai conclusa, non vi sono sistemi efficaci per aiutarci ad attraversare tale lutto nel momento in cui ci troviamo di fronte oggetti che ancora la testimoniano: regali raccolti con cura, sorrisi impressi in fotografie.


La paura che ti blocca, la paura che vuole essere ripetuta, la paura di quell'orizzonte verticale che ti fa girare il sangue e che per fortuna ti fa pensare al contesto del luogo, dove trovarsi in tardo pomeriggio lassù a sentire il forte splendido vento che ti fa attraversare il corpo da umide e fredde nuvole.. in quel grigio che quando si apre ti fa capire quanto sei nullità..
Fiducia e paura. Senso di vuoto e ritmo. Passo, passettino, giravolta. Viaggio. Partenza e ritorno. Rincorro la tua immagine, ti vedo ancora. T'ho perso. Riflessi sul pelo dell'acqua. Risacca che cancella tutto. A piedi nudi prendo un po' di colore proprio sotto il tallone. Verde intenso. Con l'alluce pesco una piccola quantità di grigio chiaro. Ci vuole il blu oltremare. Non ne ho. Finirò per miscelarne altri due...
lo sto facendo solo per dimostrare che chi sta al Governo non ha la minima idea di quello che sta facendo, che la maggioranza è in agonia e si sta agitando inutilmente come fanno i gatti che si rotolano a terra vorticosamente dopo che una macchina gli ha appena spezzato la spina dorsale...
ma non voglio perder tempo in queste banalità! uno si mette d'impegno: impiega tutto il suo ingegno e buona parte del suo tempo a cercare qualcosa di accattivante, poi ci costruisce intorno un bel castello, ci perde il cervello, studia ogni mossa del nemico... cioè vostra! legge le previsioni di brutto tempo, cade in depressione, sale lo spread... scende lo spritz... ecc.

giovedì 6 ottobre 2011

No. No. No. Ditemi che è un incubo

Il mondo dello spettacolo è pieno di stravaganze. In questo senso si potrebbe dire che anche il mondo dei non vip sia un mondo spettacolare. A volte aluni artisti più o meno discutibili collaborano per fare qualche cosa insieme; ciò accade soprattutto nella musica. Vi ho già parlato del bel disco che hanno fatto Bollani e Chailly ma ricordo nel recente passato alcune "accoppiate" che hanno fatto discutere.
Per esempio Slash - Vasco Rossi (confesso di non aver mai ascoltato il brano e sapete pure per quale motivo).
In passato ci sono stati grandi duetti: uno sui tutti quello tra Mercury  e Bowie per Under Pressure, ora i Metallica e Lou Reed stanno per fare uscire un lbum dal titolo Lulu. E ancora ricordo qualche anno fa Bono con Mary J Blidge... vabbè senza farla troppo lunga, nella musica c'è sempre qualcuno che storce il naso anche perché essendo obiettivi non si può far finta di niente quando per esempio Sting fece Rise and fall con un certo Craig David. Ecco, certe collaborazioni potrebbero essere evitate.

Se volete è un po' come Terence Hill che da qualche anno fa Don Matteo con Nino Frassica; con tutto il rispetto per quest'ultimo l'altro una volta duettava con Henry Fonda. Robert de Niro, cazzo DE NIRO quello lì che si mette a fare i film con la Bellucci... ma lasciamo perdere.
IL punto è che ho appena letto qualcosa di sconcertante. Signori e signore, Lady Gaga potrebbe diventare la nuova voce dei QUEEN. 
Lady Gaga + Queen... porca puttana non potete farlo.

Brian May dice
Abbiamo ricevuto un'infinità di offerte. Ho lavorato di recente con Lady Gaga e l'ho trovata unica: abbiamo anche parlato di una possibile collaborazione con il gruppo. Del resto lei non è solo una cantante, ma anche un'autrice...

Allora signor May, so che lei non leggerà mai 'sto cazzo di blog ne lo farà uno dei suoi colleghi. Però le vorrei dire un po'  di cose. Secondo me quando è morto quel SIGNORE che ho nominato prima e che non ho il coraggio di accostare al nome di quella lì, perché è trapassato e io ho rispetto per taluni cadaveri (sia chiarto); beh voi dovevate chiudere come QUEEN. Perché lui era troppo importante, troppo bravo ed era l'anima oltre che la spina dorsale del gruppo (e poi era della vergine come me, tiè!). Dovevate continuare per i cazzi vostri, di sicuro ne avevate la stoffa ma non con quel nome che è SACRO. Però avete voluto continuare e cantava Paul Rodgers che non è uno qualunque. Probabilmente avete fatto qualcosa di buono ma ora fermatevi. Se proprio dovete affidatevi a un rocker, uno tosto, cazzuto. Ma non Lady Gaga, signori. Se ci proverete vi auguro che il palco crolli al prossimo concerto e che la terra vi catturi.
Distinti saluti, un affezionato ascoltatore.


Lady Gaga, roba che in confronto Vasco Rossi sembra pavarotti.






mercoledì 5 ottobre 2011

Io farei la differenziata per esseri umani

Siccome abito in una piccola SnobVille mi interesso a molte cose di cui sento parlare su scala nazional-mondial-planetaria per vedere come vengono applicate in questo paesucolo. Tempo fa parlai di come progredisce il senso civico riguardo alla raccolta differenziata. Solo che devo sempre aggiornarmi perché 'sta gente è veramente cool. Così ho pensato ad alcune frasi tipo che ho ascoltato e ascolto da parte dei miei compatrioti nonché cittadini-modello.

1) Ehm i bidoni stanno troppo lontani da casa mia. Quello che dicono anche dei ragazzi che abitano a 300 m dai cassonetti. Quando ci vanno una tantum lo fanno con l'automobile.

2) Non si capisce qual è per il vetro e qual è per la plastica. Allora tizio, il gioco è facile. Su uno è scritto VETRO a caratteri cubitali e sull'altro è scritto PLASTICA sempre a caratteri cubitali. Se poi sei talmente miope da non vedere quelle scritte, fatti aiutare da qualcuno.

3) Io non c'ho tempo, butto tutto a quello dell'umido. La tipica frase delle donne che mentre i mariti stanno lavorando rimangono tutto il tempo in terrazza a leggere le ultime novità dal mondo del cosiddetto spettacolo oppure a spettegolare con le amiche. Poi se disgraziatamente capitano presso i cassonetti della differenziata (ovviamente di fretta) fanno cose sriteriate tipo:
- buttare nel contenitore del vetro una busta di plastica con dentro le bottiglie di vetro
- buttare il cartone nel cassonetto della carta nonostante coi sia scritto a caratteri ipercubitali NO CARTONE TROIA! 

4) è fatto male
Questo lo dicono tutti quelli che buttano qualsiasi cosa in qualsiasi bidone. Logico che il servizio è scadente, coglione! Se non ti dai da fare tu poi non puoi pretendere che gli altri diventino svizzeri.




Donne: meno differenziata fate e meno possibilità avete di rimorchiare uno così.
 

domenica 2 ottobre 2011

De gustibus ma anche no!

La musica brutta non esiste
Ci sono i gusti
Ogni genere è bello a modo suo
Il mio genere è fico, il tuo fa vomitare

Tutti buonisti. Provate a dire pure che tutti i dipinti sono belli, tutte le opere liriche sono belle, tutte le sculture sono belle, tutti i romanzi sono belli, tutte le poesie ecc.
La musica leggere come ogni forma d'arte ha i suoi picchi: in alto e in basso. Ci sono i capolavori e le cagate pazzesche. Questo riguarda ogni genere. Troppo facile nascondersi dietro frasi fatte per giustificare orribili gusti. Per esempio io non capisco quale sia il motivo che porta tanti sedicenti esperti a mettere sotto l'ombrello del Rock and Roll degli artisti che non c'entrano per niente.In particolare Coldplay, Blink 182, Green Day, Skunk Anansie, Evanescence. Per carità, sono bravissimi (forse) a fare il genere commerciale che poi non si capisce cosa sia (non è neanche pop) ma non mi trasmettono niente quando li ascolto.
I Blink e i GD sono per ragazzini, difatti li ascoltavo quando andavo alle medie; certo che arrivati a 40 anni dovrebbero fare qualcosa di più serio, se no rischiano di passare per alter ego di Cristina D'Avena.
Gli altri ogni tanto hanno fatto qualche bel pezzo per sbaglio, e si bisogna riconoscere che sono glamour e su MTV fanno una porca figura ma io me ne sbatto il cazzo di queste cose. Mi chiedo perché l'unica radio italiana che trasmette Rock si ostini a passarli...


Una nota particolare di demerito va ai RHCP degli ultimi anni. Lontani parenti di quelli che dominavano tra gli anni '80 e i '90. Ora sono animali da palcoscenico tendenti al fenomeno da baraccone. Da tempo sfruttando la fama hanno venduto la dignità e fanno dei motivetti orecchiabili, pop, tutto qui. Che tristezza.
Già Stadium Arcadium  uscito nel 2006 fu una delusione ma l'ultimo album sembra essere peggio. Dove sono finiti quelli di Higher Ground ? Ora pure i fan di Rihanna possono apprezzarli (solo loro).
Comunque John Frusciante è uscito dal gruppo. Era ora.

Consoliamoci con il buon vecchio George