venerdì 13 gennaio 2012

Certe cose non cambiano mai

La timidezza, fonte inesauribile di disgrazie nella vita pratica, è la causa diretta, anzi unica, di ogni ricchezza interiore. (Emil Ciorian)

Rifletto e mi stupisco giorno dopo giorni. Mi meraviglio dei meccanismi dell'amore e dei meccanismi dello "spirito". Credevo che dopo l'incontro sarebbe stato tutto più facile, che avrei affrontato ogni cosa con maggiore scioltezza. Credevo che avrei messo da parte la paura di sbagliare e di essere invasivo che derivano da un unico comune denominatore: la timidezza. Eppure non è così. Ci penso non due ma tre volte prima di telefonarle e poi non lo faccio, mi dico "dai prima non ha risposto quindi ha da fare... non disturbarla" e si apre il dibattito "ma come, io disturbarla? Ma che dici?". Quando ci parlo vorrei dire molte cose ma mi blocco sempre per le stesse piccole paure (si fa per dire) che avevo prima di incontrarla. Sono timido, spesso questo mi fa star male ma so che è anche una risorsa; bisogna saperla sfruttare. Dopo aver vissuto stupendi momenti con Lei, dopo aver fatto l'amore, dopo aver visto nel suo sguardo tutto quello che volevo vedere, la timidezza non se n'è andata né è cambiata. Sono sempre io. L'amore si diverte a giocare con il nostro carattere.


8 commenti:

  1. Ecco perché ti sono piaciuti i miei "consigli?" la paura uccide tutto. Anche quello che ancora non è successo.

    RispondiElimina
  2. ti capisco...pure io sono succube della timidezza

    alla fine però...agendo di istinto, facendo quello che desidero fare senza seghe mentali ho visto che le cose vanno meglio.
    Vero che sei sempre tu...e appunto per questo non dovresti farti troppe menate ma essere te stesso :-)

    RispondiElimina
  3. La paura ce l'abbiamo solo quando stiamo per fare qualcosa che è giusto.

    RispondiElimina
  4. Ecco, perfetto, Inn...tra il dire e il fare c'è davvero di mezzo il mare, e un sacco di altra roba, visto che per attraversare il mare ci siamo organizzati ma non per imparare a evitare di annegare nei rimpianti.

    RispondiElimina
  5. più che timidezza mi sembra insicurezze :-D

    RispondiElimina
  6. Io trovo la timidezza sia a volte un grande dono, si snocciolano piccole verità a poco a poco e non si svendono parole come fanno molti. La trovo quasi un pregio.

    RispondiElimina
  7. Seta: insicurezza fa rima con timidezza!

    RispondiElimina
  8. La timidezza è una virtù, ma solo se la sai superare.

    P.S.: Sì. E' proprio "quel" Soros.

    RispondiElimina