sabato 7 gennaio 2012

Ho licenziato il presepe

L'ho fatto il 4 dicembre. La tradizione vuole che si faccia l'8, il giorno dell'immacolata concezione ma io della tradizione me ne sbatto. Sono ateo. Direte voi "allora perché lo fai?". Intanto perché mi piace e mi sta antipatico l'albero e come sapete sono contrario alla deforestazione. Il giorno in cui sono andato a prendere il muschio è morta una vicina di casa, una brava signora: il giorno dopo l'ho vista imbacuccata e stuccata nella bara ed era la prima volta che vedevo un cadavere (ma non ho vomitato).

Devo dire che ho fatto il presepe anche per tenere la mente libera: in quei giorni non avevo notizie di ELLE che stava con il suo fidanzato e volevo cercare di non contattarla; con il senno di poi dico che ho sbagliato. Non a fare il presepe eh, solo che non lo sopportavo più già dopo pochi giorni. Il presepe lavora a tempo determinato: è un precario che si accontenta di poco tanto sa che dopo un anno torna. Ma non vale per tutti, erano tre anni che non lo facevo. Mi stanno sulle palle i re magi che non so per quale motivo ma perdono sempre una mano.

Vorrei la versione porno: la vergine Maria (e non ho ancora capito come ha fatto ad avere un figlio visto che era vergine) che fa una pompa all'asinello e Giuseppe che fa una sega al bue. Anche la tradizione del presepe è maschilista: perché non potevano essere un'asina e un bue piuttosto che una buessa e un asino? Il profeta del presepe era un maschilista. Il bambino era un portento, sai che anticorpi doveva avere per sopportare il fiato dell'asino e del bue: solo il figlio di una divinità poteva resistere. Nel mio paese c'è il barista che ha un fiato paragonabile a quello di una bestia da soma.

Ho delle statuine grandi e altre piccole, come se a Betlemme esistessero i giganti e gli hobbit. Ma il vero problema è quello delle statute e case moderne; fanno veramente schifo. Si sono fulminate le lampadine e gli ultimi giorni sono rimasti tutti al buio. Provate a pensare se al posto dei re magi ci fossero le regine maghe. Gasparra, Melchiorra e Baldassarra ovvero Gaspa, Melchy e Balda. Me le immagino con le tette di fuori e Giuseppe che sbava "fermo lì, tu non puoi fare niente ma quella gnocca di tua moglie..."

Siccome sono contrario alla deforestazione ho deciso di conservare il muschio. Non c'entra niente con Betlemme però si usa. Un vegetale che cresce dove c'è ombra e umidità; ok non ovunque ci siano queste condizioni.


Questa è la befana che mi ha aiutato, ha messo a posto i cammelli

Caro lettore cattolico, non tenere conto di quanto hai appena letto e ricordati di santificare le feste.

3 commenti:

  1. cazzarola se ci vai pesante, comunque bella gnocca quella in foto da farsela dal lato A e poi tante volte dal lato B

    RispondiElimina
  2. beh la versione porno ed alternativa si riesce comunque ad abbozzare anche con un presepe tradizionale:a casa di un'amica,per una cena prenatalizia tra amici alcuni hanno pensato bene di dare un frizzo a questa noia mortale di rappresentazione e hanno messo in fila le pecore incastrandole tra di loro tipo trenino dell'amore ovini,un pescatore con la canna in mano simulava un pugno a Maria,il cammello era diventato volante su una palma,al posto di Gesù abbiamo messo un bel tappo di sughero del vino e così via...devo dire che meritava nel complesso!

    RispondiElimina
  3. Penny: aumenta la mia stima, con questo gesto meriteresti di diventare amministratore

    RispondiElimina