sabato 25 febbraio 2012

La statistica serve a qualcosa

 

Gli ebrei sono i meno segaioli. Una donna ebrea su cinque non si è mai "pastrugnata" come direbbe la mia amica Setarossa. Quel che tuttavia mi ha colpito è la parità tra atei e cristiani, atee e cristiane. Ora, io devo pensare che siano stati intervistati 11178, 57 agnostici, atei, cristiani ecc, quindi il campione è equamente distribuito (non è che hanno intervistato ventimila buddisti, per dire..). Le donne agnostiche sono quelle che meno affermano di non essersi mai masturbate ovvero sono quelle che godono più spesso da sole. E guardate che i maschi buddisti si masturbano più spesso dei maschi agnostici! Certo si può fare molta conclusione dato che il grafico può essere letto in due modi; cioè meno persone ci sono che dicono (dice che...) di non essersi mai masturbate e viceversa più sono quelle che implicitamente ammettono di ricorrere al sesso fai da te. S'è capito, peccato che quei geni del settimanale L'Espresso che hanno tradotto alla cazzo il testo del grafico da cui quindi risulta che gli ebrei sono quelli che dichiarano di masturbarsi più spesso. Evidentemente per il settimanale lavorano molti seguaci di questa religione oppure chi ha tradotto era troppo impegnato a registrarsi su Youporn.

Vengo al nocciolo della questione. Cosa vuol dire questa scarsa percentuale di cristiani che non si sono mai masturbati ammesso di poter estendere il risultato a tutti i fan di Cristo? Vuol dire che nonostante i secoli di bigottismo, inquisizioni, perquisizioni, pregiudizi, encicliche papali, prediche dei vari Don Mattei e vari lavaggi con risciacquo dei cervelli, i poteri clericali non sono riusciti a sconfiggere l'istinto animale!  Ci hanno provato ma non ce l'hanno fatta e forse si sono pure ricreduti, magari il buon Bagnasco è lì che smanetta su Penthouse. Per questa volta mi complimento con i cristiani: andate e diffondete il verbo di Onan.


13 commenti:

  1. Il fatto è che questi sani istinti sono impossibili da "sconfiggere" (a parte il fatto che è idiota anche il solo pensare di "combatterli", come fanno i viscidi bigotti - so di cosiddetti "psicologi cattolici" che affermano apertamente di dover "guarire" i ragazzini che si masturbano, e nessuno gli toglie la licenza di strizzaportafogli come invece si dovrebbe!!)
    Perché parliamoci chiaro: il titolo della statistica, invece di quel lunghissimo "people who claim eccetera" poteva tranquillamente essere: BUGIARDI. :-)))

    RispondiElimina
  2. Pensa che il post era pronto da stamattina ma non mi veniva in mente un titolo decente!

    RispondiElimina
  3. C'è un fatto da tener presente: il masturbamento è considerato 'peccato', quindi, per i cristiani, deve essere confessato.
    La confessione, per sua precipua funzione, cancella il delitto, un paio di preghierine, e torni 'vergine' (nel senso che la tua fedina cristiana torna pulita).
    E ricominci da zero; il passato viene resettato. Se la ricerca è stata commissionata subito dopo, per esempio, un'indulgenza straordinaria, ossia un'assoluzione generale senza manco confessare, i cristiani, perlomeno i cattolici/che, hanno potuto dare risposte veritiere, essendo stati/e ripuliti fino al midollo.
    Gli ebrei segaioli intanto sfornano figli a semidozzine per volta per rafforzare l'esercito, mentre noi
    siamo nella media di 0,001 figli per coppia.
    Se le seghe fossero tassate, non saremmo nella merda come siamo, e la UE ce la metteremmo in tasca come un fazzoletto da naso.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. il fatto che la masturbazione, comunemente detto ATTO IMPURO dal cristiano... va confessato al prete se vuoi comunicarti, rende le cose un pò più difficili. Non è detto che per uno che si trattiene un altro non si masturbi 2 0 tre volte...

    RispondiElimina
  5. ecco perchè il visual management è la vera nuova frontiera deggli strumenti manageriali....
    senza aver ancor letto il tuo post mi è stato subito immediato ponderare che chi crede nel peccato pecca quanto non ci crede affatto... e non avevo dubbi..

    RispondiElimina
  6. Non so quanto possa esser vero, ma pare che i circoncisi provino meno piacere nella masturbazione...Per motivi tecnico meccanici...Che sia vero o è il solito "si fa ma non si dice"?

    RispondiElimina
  7. NONNO: infatti la repressione ottiene sempre 'effetto inverso

    Bad Hands: chi è senza peccato in questo blog non è ammesso

    Setarossa: fa da contraltare al "si dice ma non si fa". Bentornata

    RispondiElimina
  8. che percentuali. immagino che i cristiani/atei intervistati stessero col bigolo in mano durante l'intervista.

    RispondiElimina
  9. tranquillo è solo un mezzo per il controllo delle masse
    è chiaro che lo sanno che è contro natura il non eiaculare, tanto è vero che i ragazzi hanno le polluzioni notturne per il ricambio del liquido nelle vescicole seminali.
    Ma creando questo peccato, loro costringono la gente a sentirsi in colpa e ricorrere ai loro servizi confessionali per rappacificarsi.
    D'altronde tutti gli altri peccati colpiscono una minima parte degli umani, mentre la sessualità, particolarmente nei maschi li espone fino all'ora della morte.
    Anche nel rappporto coniugale sono stati capaci di ricoprirlo di fango, perchè la coppia dovrebbe avere 1 figlio all'anno anche oggi nell'anno 2012 che si rischia la fine del mondo per il troppo inquinamento

    RispondiElimina
  10. la conclusione è...
    quelli che con il punteggio più basso mentono!

    RispondiElimina
  11. Ernest: ossia agnostici, atei e cristiani si masturbano meno di quanto affermano?

    RispondiElimina
  12. Sono atea. Non mi interesso dunque, di sacramenti e peccati. Per me tutti i dogmi religiosi (di TUTTE le religioni) e chiunque si faccia condizionare la vita da questi si potrebbero tranquillamente inserire nell'ambito della fantascienza o, vieppiù, nel favoloso mondo delle favole..:-))

    RispondiElimina