lunedì 20 febbraio 2012

Questo circolo ormai è declassato

Capita che un giorno entri in un sito di informazione e tra le prime notizie ci sia quella di un incidente. Mica una roba qualsiasi, si tratta di un pezzo grosso (anche se io non lo conoscevo). Di gente come lui si deve parlare. Fa tendenza. Quando si sposano il matrimonio va in mondovisione e lo seguono milioni di persone. Quando crepano il funerale va in mondovisione e lo seguono milioni di persone. Soldi, soldi, soldi. Questi navigano tra agi e bisbocce, tra tenute sterminate e megaville in tutto il mondo. Una vita alle luci della ribalta. Mondanità e gloria. In fondo in mezzo a tutto questo sfarzo, 'sti barlumi di Swarosky che cazzo ce sta? Una vita di merda.
Dice, questi c'hanno i soldi che escono dal culo. Certo. Possono acquistare quasi tutto e possono fare la cacca seduti su un water di platino zincato ma volete mettere la tortura del rigido cerimoniale araldico? Perché è di tortura che si tratta! Amnesty dovrebbe occuparsi anche di loro, non solo di quei celeberrimi bambini africani con il pancione che è molto trendy. A Buckingham Palace per andare al cesso c'è bisogno di chiedere il permesso ad almeno tre-quattro persone e poi si deve camminare per centinaia di metri. Se lo trovi non c'è manco il bidet. Nasci pieno di comodità ma non puoi fare quello che fa una persona normale. Hai l'insegnante a domicilio che ti insegna quello che gli pare: peggio della scuola pubblica e peggio di cepu! Per chiedere al tuo paparino di uscire in giardino con gli amichetti, devi dire "Sua maestà, potrei qualora nella sua magnifica grazia me lo concedesse, andare a bivaccarmi sul prato reale con i compagni di merende? Sapete, Lady Pussy di Winchester ha detto che me la farà vedere."
Non puoi guidare perché c'è l'autista, non puoi pulire i pavimenti perché ci sono le governanti, devi spedire una raccomandata con ricevuta di ritorno per avere 5 minuti di intimità con tuo fratello. Il nobile soffre, anche da noi. Anche nell' Italia che monarchica non è più da 66 anni. Ci sono sempre i principi, le duchesse, i conti, i baroni bla bla bla che non contano un'emerita ghianda, eppure campano di rendita. Le rendite del feudalesimo tirano assai e per quelle non c'è crisi che tenga. Vorrei fa come Enrichetto (ma in privato) che si rivolge alle varie "altezze"- "grazie" senza convenevoli e trattandoli per quello che sono davvero: paraculi nonché mangia pane a tradimento. Noi abbiamo fatto tornare con tanto di onori i Savoia (quelli che diedero l'incarico a Mussolini e firmarono le leggi razziali) e siamo costretti per contratto a subire le avventure del principe che ora spurga le fogne. E questo è niente, rispetto a tutto il resto!

Sapete come mi è venuto in mente tutto questo sproloquio? Oggi ho letto sopra la marca di una bustina di Tè una frase portentosa "by appointment of Her Majesty Queen Elizabeth..." - dalla nomina di Sua Maestà la Regina Elizabetta. Quella che tira avanti il carretto da più di sessant'anni. Converrete con me che è un'eccezione; di solito i reali campano poco. Dovendo stare chiuso in una sfera di vetro capita che si appassionino al sadomasochismo estremo, alla droga pesante o che semplicemente impazziscano. Alcuni c'hanno provato a fare un'altra vita e non gli è andata molto bene. Comunque per chi rimane nel giro vale il celebre detto "i soldi non fanno la felicità" e soprattutto non curano l'ignoranza, perché lor signori saranno pure edotti ma quando si tratta di passare all'atto pratico valgono quanto un fiammifero in cima all' Everest. Molte case reali se non intere dinastie sono state decimate da malattie ereditarie, la regina Vittoria per esempio trasmise l'emofilia a molti suoi discendenti ma il ramo inglese si salvò, perché avevano l'abitudine di accoppiarsi tra di loro. Come i conigli. I Savoia non sono stati contagiati e questo è un peccato. Resta un dato di fatto: l'aforisma di Monti "il posto fisso è monotono" trova conferma nella vita di nobili marchesi ecc.


6 commenti:

  1. Essì: son cazzi, questi, altroché..:-)) (bel post, davvero)...

    RispondiElimina
  2. altre esistenze queste.
    Assurdo.

    RispondiElimina
  3. post di grande invidia e poi quello che più fa incazzare è il fatto che nell'aldilà te li troverai nei posti migliori, visto che non dovendo arrabbattarsi per vivere rifuggono le occasioni di peccato

    RispondiElimina
  4. Io apprezzo molto Re Juan Carlos! Uno che si è sfondato di mignotte tutta la vita va stimato!

    RispondiElimina
  5. Nessun commento, solo applausi.
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. fortunatamente alcuni modi di dire sono scomparsi, pensa quando ti dicevano :"nobile d'animo".

    Credevano di farti un complimento, in verità ti paragonavano a delle merde e non potevi rispondere a tono perché in fondo non ti stavano offendendo. ^_____^

    RispondiElimina