martedì 13 marzo 2012

L'amante è un criminale a prescindere

Non so voi ma quando si parla di amanti io ci rifletto due volte. C'è da essere cauti a snocciolare tutto il proprio armamentario di prediche contro gli amanti. Del resto è la parola stessa, il significante che ha perso di significato con il passare del tempo e le generazioni di teste di cazzo. Ora pensate ai casi di cronaca nera di cui purtroppo non possiamo fare a meno di sentir parlare (perché non c'è possibilità di fuga da questo tipo di notizie) da quando i mass media sono diventati molto medi e poco mass. Le indagini sono ancora in corso: lui è accusato di aver ucciso la moglie. Dice stronzate ai giudici, ai giornalisti, ritratta la confessione poi dà un'altra versione dei fatti. Si scopre che aveva una relazione extraconiugale e su di lui si abbatte la mannaia della morale pubblica. La famosa opinione pubblica aizzata da telepredicatori e sedicenti pastori di anime si getta a capofitto nel giudicare e condannare la condotta privata della vita di un idiota che fino al giorno prima non era nessuno. Il problema è che è un fedifrago. Deve morire. Devono castrarlo. Evviva il cattolicesimo, evviva il bon ton. La conduttrice che di sera sniffa cocaina ma di giorno è una persona irreprensibile, fa domande all'uomo della strada, lo incalza. Non fate domande al politico accusato di concussione, i mancherebbe. Uno che aveva l'amante, un pinco pallino qualunque è molto pericoloso. Non avrebbe dovuto scopare con quella e con quell'altra, doveva stare buono assieme all'angelo del focolare. Pare che abbia ucciso la moglie proprio perché quest'ultima aveva scoperto il tradimento. Allora sei proprio un coglione, mettiti in testa che tua moglie non è una tua proprietà: è un essere che pensa di poter vivere come vuole e che desiderava che tu le rimanessi fedele. Tu l'hai uccisa perché non pensi di poter essere giudicato da lei. Eppure dovresti pensare che ci sono migliaia di persone che ti giudicano e ti scannerebbero volentieri, perché tu non sei stato fedele. Il problema della gente comune è che non riesce a separare le notizie dai reati, il gossip dalla legge. Un dato di fatto è che una donna, un'altra ancora è stata massacrata ma questo sembra interessare poco al popolino. Loro vogliono parlare e sparlare delle abitudini sessuali dell'uomo, talvolta militare o carabiniere (l'uomo probo), per dire che non si fa. Così l'amante diventa il nemico, il pessimo esempio. Non gliene frega niente al popolino che magari il bugiardo viveva con una persona insopportabile o che, puta caso, avessero una relazione "aperta" da adulti consenzienti  Non gliene frega niente che c'è un figlio di mezzo, il quale vivrà senza madre e con un padre assassino.



Può darsi che l'accusato di omicidio sia innocente. Dice un sacco di fesserie perché ha perso la persona più importante, ha perso il suo punto di riferimento e non se ne capacita. Può darsi che la giustizia lo assolva per non aver commesso il fatto o per insufficienza di prove ma potete star certi che il tribunale della morale lo condannerà a patire le pene dell'inferno.

14 commenti:

  1. Eravamo un popolo di santi (!), artisti e navigatori.
    Grazie alle imbeccate siamo diventati anche un popolo di giudici.
    I media detti mass hanno una bella fetta di colpe, non faccio percentuali perché per me la matematica è un'opinione, ma anche chi 'dovrebbe' indagare, più gli avvocati, più talvolta i giudici stessi, danno una mano mica male.
    I quali giudici, mentre 'prima' anticipano quasi le sentenze, 'dopo' fanno passare anni prima di depositarne le motivazioni.
    Alle quattro 'qualità' dette c'è da aggiungere quella di popolo coglione, che è l'unica garantita.

    RispondiElimina
  2. Evito accuratamente i fatti di cronaca anche per questo: perché costringono a fare ragionamenti perversi quanto le situazioni che accadono. Oggi leggevo che, secondo un sondaggio riportato da Repubblica, i valori degli italiani sono ancora dio patria e famiglia, come ai tempi del capoccione fascista, e allora sono straconvinta che a questo paese non basterà nemmeno il tracollo economico per salvarsi. Perché l'italiano tipico è marcio dentro, e, considerata la realtà di questo paese sciagurato, gli italiani tipici sono la maggioranza.

    RispondiElimina
  3. Estrella: anche io ho letto del sondaggio e... porca miseria quanto siamo paraculi!

    RispondiElimina
  4. In linea di massima concordo con il post, lo spirito dello stesso tende a stigmatizzare la riprovazione per il delitto che non deve essere correlata alla fedeltà; voglio farti un appunto, dici che la gente non separa la notizia dai reati, sono convinto invece che la massa non confonde, semplicemente li trova poco interessanti.
    Oggi come ai tempi del Marchese Camillo Casati Stampa non interessa il delitto, interessa l'aspetto pruriginoso del sesso.
    Possiamo anche essere evoluti in campo sessuale per alcuni aspetti e non tutta la popolazione, però l'antica castrazione cattolica è ben lungi dall'essere superata, questo porta ad una curiosità esagerata ai fatti di letto.

    RispondiElimina
  5. Be...il cinismo, il pettegolezzo, il giudicare gli altri, sono il nocciolo del 90% delle discussioni che si fanno solitamente.

    Provate questo esperimento: eliminate il pettegolezzo, il cinismo ed il giudizio dal vostro parlare.

    Finirà che passerete le serate a sentir parlare i vostri amici accorgendovi di essere un alieno rispetto all'umanità (disumanità) che vi circonda.

    RispondiElimina
  6. gli amanti, guai, se non ci fossero più ne morirei.. hanno suscitato sempre lo stesso interesse, calamitano la mia attenzione, più o meno quanto i ladri (naturalmente quelli con accezione romantica, di un'altra epoca, quando si sognava rubassero ai ricchi per dare ai poveri) e così anche gli amanti che privano il marito 'impotente' per soddisfare la moglie infelice!

    RispondiElimina
  7. "nei letti degli altri già caldi d'amore, io non ho provato dolore..."

    RispondiElimina
  8. petrolio: a me danno fastidio quelle persone che paragonano un "traditore" a un omicida o un evasore fiscale. Purtroppo è con questa logica che tante donne devono rimanere per forza con un uomo che diventerà il MOSTRO

    RispondiElimina
  9. Purtroppo è con questa logica che tante donne devono rimanere per forza con un uomo che diventerà il MOSTRO. Esattamente esatto.

    RispondiElimina
  10. il popolo divora tutto quello che gli viene dato in pasto....

    RispondiElimina
  11. è tutta colpa delle donne, del loro desiderio di esclusività, della loro mente contorta. Ma come, cazzo,
    lo sai che quel povero cristo già tene famiglia
    lo sai che l'uomo basta mostrargli il pelo e il raziocinio scende dal cervello allo scroto
    lo sai che un rapporto sensuale dopo due o tre anni, per natura si azzera e tu che fai
    glielo prendi in bocca e qualche giorno dopo, dopo accurata preparazione ti metti prona e gli porgi il bocciolo ben profumato, dicendogli che con te non dovrà chiedere mai? La stessa tattica che aveva usato la moglie anni prima e che altre useranno fra tre anni, dopo di te.
    E che dire poi di quei macrocefali che magari ammazzano la compagna solo al sospetto che la abbia concessa a qualcun'altro, ma cazzo, invece di essere contento ed incitarla e convincerla a farsi pagare senza credere alle chiacchiere perchè alla sua età dovrebbe ben sapere come funzionano gli uomini e le loro false promesse pur di infilarlo in qualche buco.

    RispondiElimina