giovedì 17 maggio 2012

La pillola del giorno qualunque



Qualche giorno fa ho scoperto che c'è molta gente contraria all'aborto. Per essere preciso, contraria alla legge che regola l'interruzione di gravidanza. Una legge di quarant'anni fa (se non erro) contro la quale si scagliano in tanti/e. Ultras cattolici, integralisti, fondamentalisti, paraculi, facce da culo, pseudoreligiosi. Fate voi. E siccome nel dominio di questo blog c'è la parola aborti io non potevo tirarmi indietro. Dico la mia. Pare che che i signori e le signore di cui prima, siano contrari anche a pillole, preservativi, spirali ecc. Per loro si dev'essere tutti come nelle "sacre" scritture: animali da riproduzione sfrenata. Pensate che in una farmacia di Amantea (Cosenza) qualche anno fa, delle ragazze erano entrate per comprare dei preservativi. Il farmacista non glieli ha venduti e con quale giustificazione? Dicendo "sono un obiettore di coscienza". I medici e i farmacisti non possono fare gli obiettori di coscienza. Ovviamente le famigerate forze progressiste se ne sono infischiate. Senza aborto e senza contraccettivi sarebbe il mondo ideale di quelli che sfilano pro vita. Siamo sette miliardi sulla terra, già troppi. Le stime ci dicono che entro il 2050 supereremo i dieci miliardi proprio a causa delle popolazioni più povere che non hanno accesso alle pratiche del mondo "civile" e si accoppiano come conigli. Ma se tutta l'umanità seguisse la strada di Adamo ed Eva quanti cazzo saremmo tra trentotto anni? Ci vorrebbero nuove città ovvero nuovi spazi sottratti alla natura. Meno pascoli, meno foreste e forse meno deserti. Le calamità naturali avrebbero un'incidenza maggiore rispetto a oggi. E le malattie veneree? Potrebbe diffondersi un virus tanto potente da uccidere milioni di persone in poche settimane. Cazzo. Cosa direbbero gli anti-abortisti? Ah già, sarebbero pro-aborto e distribuirebbero preservativi nei centri commerciali se non addirittura pillole nelle chiese!
Il mondo è già pieno di coglioni, facciamo in modo di controllarne le nascite!

La foto è utile per fare capire cosa si genera senza pensarci due volte

11 commenti:

  1. Guarda non lo faccio mai...Però a supporto del post metto il link al mio, dove spiego con parole semplici perchè la legge 194 sull'aborto non solo è una buona legge per chi decide di abortire, ma cosa che pochi sanno o fingono di non sapere è una buona legge ANCHE per coloro che decidono di tenerlo.
    La vogliono togliere solo perché non saranno mai onesti con loro stessi al di là dei dogmi.

    http://master-e-slave.blogspot.it/2012/05/manifestazione-contro-laborto.html

    Buona eventuale lettura.

    RispondiElimina
  2. In effetti sarebbe semplice ragionarci su un attimo. Il problema è che quando si abbraccia la fede o un'ideologia, non si ragiona più con la propria testa ma con quella del leader del movimento o con quello che è riportato nelle scritture che, loro, considerano sacre.

    Ovvio che nelle sacre scritture incitassero alla procreazione...su 10 figli ne campavano un paio di quei tempi...e poi non c'era le farmacie...e non credo che le donne si depilassero :-(

    RispondiElimina
  3. Concordo nelle linee generali e totalmente sugli anticoncezionali.
    Sono anche sostenitore della legge sull'aborto, e troverei anche giusta la precettazione dei medici pubblici antiabortisti. Se sono contrari possono uscire dagli ospedali e fare solo ambulatorio.

    Pur avendo premesso come la penso a riguardo dico, anche che l'aborto è un un argomento sul quale ho ancora molti dubbi di coscienza. E in ogni caso credo che, principalmente, a dover decidere su questo tema spetti alle donne. Non per scaricare la responsabilità, ma perché lo trovo giusto.

    RispondiElimina
  4. scommetto che prima o poi rispolvereranno oltre l’aborto, il divorzio, la pillola anticoncezionale:
    il bobbolo degli under 70.000 abbisogna di certezze ed i suoi caporioni sono lì pronti a dargliele e di questo esso ringrazia e ne gode.

    RispondiElimina
  5. Ne ho scritte "di ogni" un po' ovunque, alcune, le hai lette pure tu.

    RispondiElimina
  6. The Cunnilinguist: sul fatto che non si depilassero possiamo essere anche felici

    Carlos: bentornato qui. Anche io penso che sull'aborto debbano decidere le donne e questo dovrebbe essere appurato da secoli and secoli

    RispondiElimina
  7. e il coglione più grosso è quello nel bel mezzo dell'inquadratura no??? :)

    RispondiElimina
  8. sono dell'idea che una Donna possa decidere cosa fare della propria vita...grazie a zeus le battaglie femministe di qualche decennio fa ci ha portate a poter scegliere. Beh...vogliamo sprecare parole per quelli che vanno a quei cazzo di family day e poi sono al 5°matrimonio?no ecco...non le spreco.

    RispondiElimina
  9. Sono contraria a questo blog!

    ;-)

    RispondiElimina
  10. Bad Hands: puoi ben dirlo... chissà dove cazzo andrà a nascondersi tra un anno

    D*: Mi piace quello che hai scritto e direi che è un ottimo inizio, spero che tu sia lieta di commentare spesso qui. Se no dammela :)

    Saamaya: su di te la decisione verrà presa dal collegio dei probiviri

    RispondiElimina
  11. Nel diario della ex coppia la sezione Society trattava del problema della zootecnia umana di tipo religioso.

    Vedo che anche qui c'è un buon pensiero libero rispetto ai condizionamenti di tipo religioso del tutto anacronistici e, in questo momento, nefasti. La crescita esponenziale della popolazione è il problema planetario numero 1.

    RispondiElimina