sabato 14 luglio 2012

La voce del popolo (di 'sta ceppa)



Conversazione di una settimana fa.
"Te la sei fatta la fidanzata?"
"No."
"Com'è?"
"Costa troppo."
"Trovatene una ricca."
"Dopo costa troppo a lei."


Negli ultimi tre giorni una signora me l'ha detto due volte "ti devi fare una ragazza". Francamente questo modo di parlare di persone come se fossero oggetti mi ha rotto il cazzo. Tutta gente che si meraviglia perché "sei così bello" e non sono fidanzato. Ma santodio se io fossi gay? Oppure se fossi disinteressato al sesso (di persone così ce ne sono)? No invece ti devono perseguitare "ma quando te la fai la fidanzata?" poi dice che uno risponde male e che non c'è più religione. Il problema è che ce n'è troppa in testa alla gente.

E se mi piacessero le persone più grandi? Ah no, sai che scandalo. Certo che se uno desse retta a tutti i "consigli" delle donne (guarda caso la prima si è sposata per non restà zitella) sarebbe sistemato a vita.


5 commenti:

  1. E' la cosiddetta "sindrome del cazzo", che spinge quelli colpiti a farsi i cazzi degli altri, trascurando magari il proprio.
    L'unico contrasto a questa malattia è la "sindrome del culo", che consente a chi si è rotto il cazzo di mandare cordialmente, o anche no, affanculo (da qui il nome alla sindrome) chi glielo ha rotto.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. "fatti una famiglia fatti una famiglia fatti una famiglia". fu cosi' che il tizio violento' un padre una madre la loro figlia e il cane. e menomale che non scelse una famiglia numerosa!!1 (m troisi)

    RispondiElimina
  3. Se sei così bello come dicono, mi fidanzo io con te!

    RispondiElimina
  4. Alpexex: hai dannatamente ragione. La famiglia katto-talebana è piena di esempi di istinti repressi.

    Setarossa: io non mi ritengo un adone, so di essere bello ma ce ne sono parecchi di uomini più appariscenti di me

    RispondiElimina
  5. Uno dei consigli di queste donne che non sanno farsi i cazzi loro è stato "fai un figlio e fatti mantenere dal padre".
    Bah.
    Ma ti assicuro, non siamo tutte così, non siamo tutte così.

    RispondiElimina