lunedì 6 agosto 2012

Cinematografo

Qualche giorno fa ho fatto la comparsa in un film. Se a qualcuno non interessa, può lasciare stare qui. Mi ci ha fatto ripensare il post di Sassicaia Molotov perché lui lavora nel settore (e un po' stride il termine) della cultura. Quella che "non ci si mangia". Mi sono accorto stando in mezzo e dietro al set che la realtà è dura. Ovviamente parlo del cinema ma credo che per chi sputa il sangue in teatro sia anche peggio. Quanto cazzo lavorano i tecnici! Tecnici del video, dell'audio, costumisti, truccatrici, aiuto-registi, aiuto-produttori, scenografi, addetti alla colonna sonora più altri svariati individui che svolgono compiti tutt'altro che semplici. Mi sono accorto che è tosta per un attore, soprattutto in una piccola produzione, fare quello che deve fare. Persino una comparsa che come il sottoscritto compare in una scena di pochi secondi fa una faticaccia mentale e fisica. Certo, questo dipende anche dalle pretese del regista e /o del produttore nonché dalla disponibilità delle persone. Quando ti trovi di notte a dover correre scavalcando muri con un'armatura ti rendi conto che quello che vedi al cinema o in tv quando passano i film, è solo la punta dell'iceberg. Gli attori veri e propri sgobbano di più e ci sono pure abituati. Ma se metti della gente sempliciotta di paese a farti da comparsa c'è anche il rischio di dover bestemmiare a "rotta di collo". Ci vuole pazienza e quanta cavolo ne hanno tutti quelli che stanno dietro le quinte! Gente che per 10-12 ore (se gli va bene) al giorno fa avanti e indietro, monta e smonta su qualsiasi terreno, scenario con più o meno tutte le condizioni climatiche possibili. Gente che fa questo per pochissimi soldi. Lo fa per passione. Producendo spesso grandi opere. Si guadagna da mangiare godendo di pochissima stima e considerazione da parte dell'uomo della strada. Quando li vedi all'opera ti rendi conto che forse tu non ci riusciresti a fare tutto quello che fanno, che è più comodo stare seduto a rispondere a un telefono come l'amico del tuo amico che è laureato in stronzologia applicata.


2 commenti:

  1. Anch'io ho fatto un film: cicciolina ed il cavallo... e non ero cicciolina.

    RispondiElimina
  2. Grazie dello spot ;) vorrei aggiungere che il settore spettacolo, fra tutti quelli in cui ho lavorato, è quello dove si tromba meno.

    RispondiElimina