sabato 25 maggio 2013

Una persona unica

Succede anche questo. Succede che la vita di una persona che conosci come blogger si interrompa. Perché siamo persone pure noi. Troppo spesso non ci pensiamo ma dietro a un blog c'è una vita. Quella persona muore e lo vieni a sapere per caso, ed era veramente l'ultima cosa che potevi aspettarti. Non scriveva da più di un anno sul blog ma questo non vuol dir nulla. Son molte le persone che prendono delle pause o semplicemente si stufano. Non mi aveva risposto agli auguri di fine anno. Questo non vuol dir nulla. Può darsi che a una persona che sta dall'altra parte d' Italia, passi tutt'altro per la testa. Però mi mancavano le parole di Silvia, meglio conosciuta qui come Xtc. I suoi post sempre lunghi ma mai noiosi. Mi mancava la sua straordinaria creatività. Ricordo il periodo in cui aveva sette blog e non so come facesse a scrivere tutti i giorni, ma era ognuno una sorpresa. Credo con tutto il rispetto per tutti voi, di non aver mai conosciuto una persona con intelligenza, classe, sensualità e soprattutto sensibilità come lei. Mi dispiace di non averla potuta incontrare. Mi ha insegnato molte cose. Mi ha trasmesso molte cose. E credo che leggendo almeno uno dei suoi numerosi post, chiunque ne sia rimasto piacevolmente colpito. Era riuscita persino a farmi apprezzare la matematica.

Ricordo di aver avuto l'onore di parlarci in privato. E mi permetto di riportare qui alcune delle sue parole. Questo è quello che mi ripose quando le dissi coca pensavo della sua scrittura "ti sono grata del fatto che non ti sia mai annoiato, è una delle cose che ti fanno aver voglia di continuare, ed è tutt'altro che scontato che si abbia voglia di dire ogni giorno qualcosa." Con lei non era mai scontato nulla. E penso che il modo migliore di ricordarla sia proprio attraverso le sue parole. Perché per me, tu sei viva. Vivi attraverso ciò che hai scritto. E ti ringrazio, se c'è un modo in cui tu possa leggere quello che sto scrivendo, ti ringrazio mille volte. Ciao Silvia

1 commento:

  1. Che peccato... a volte non ci rendiamo conto di cose simili...

    Jan

    RispondiElimina