post demenziale per una notizia demenziale

I contratti prematrimoniali non sono una novità assoluta. Io sono almeno dieci anni che ne sento parlare. Roba tra gente che se lo può permettere. Però ci sono clausole e clausole. E alcune sono davvero curiose. L' anno scorso si è sposato Zuckerberg (che per comodità qui chiamerò Zuck) con una certa Priscilla Chan.


Nel contratto c'è una clausola voluta proprio dalla signora: sesso almeno una volta a settimana e cento minuti di "qualità" ogni sette giorni. Tralascio il discorso dei cento minuti di qualità; chissà che vuol dire... qualità del sesso? La signora pretende poco a mio avviso. Sesso almeno una volta alla settimana per una coppia giovane (lui 26 o 27 anni, lei credo uguale) è decisamente sotto il minimo sindacale!
Il messaggio che ha voluto lanciare a Zuck è questo: va bene pensare all' hardware ma ogni tanto concentrati anche sull' hard... e non quello di youjizz. Quindi tutti voi, perché so che il 99% sta su facebook, non lamentatevi se cambiano le impostazioni della privacy o dei "mi piace". è che Zuck
ci sta dando dentro e ogni tanto si distrae dai suoi impegni aziendali. Tra fatturare ed eiaculare forse preferisce la seconda.



Commenti

  1. Penso che la signora chieda chissà che cosa, infatti non si capisce che vuol dire. Comunque credo che "Zuck" abbia una gran passione per il web e non solo, per cui... a parte il sesso, ha una ragione più importante di vivere.

    Forse giudicare la vita degli altri, è diventato un hobby. Già: si chiama Gossip...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, è gossip. Ma questo non è il blog di Piero Angela!

      Elimina
  2. Uno che a meno di trent'anni pretende per legge una scopata a settimana va lasciato anche se si chiama Zuckerberg.
    Stiamo scherzando?

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. secondo me va proprio lasciato chi chiede di inserire una qualsiasi clausola prima di sposarsi. e che è, il mercato delle vacche?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Moriremo berlusconiani?

Alcune considerazioni sulla prima partita di calcio professionistico di massima serie diretta da una donna

Addio Giulietta