mercoledì 9 ottobre 2013

Lampedusa calling

Se ne parlerà ancora per un po'.  Diciamo giusto il tempo di far consumare due kg di fazzoletti all'italiano medio. Il quale si emoziona per molto meno. Poi i media torneranno a parlare delle solite minchiate. Non dovete stupirvi della commozione di napolitano. Badate bene che è lo stesso che ha firmato quel decreto.... che stabilisce una cosa talmente stupida da poter essere pensata solo da qualche mezza calzetta: il "clandestino" è un criminale. Di questo il popolo se ne accorge solo ora, eppure la legge è in vigore da 5 anni. Chissà quanti ne sono morti in cinque anni.
Non stupitevi della gara al cordoglio e della gara a chi la spara più grossa. Ormai c'è poco da stupirsi in questo sciagurato paese. Ci sarebbe da stupirsi invece, pensando al fatto che tante persone (perché prima di essere eritrei, somali, tunisini oppure extracomunitari sono soprattutto delle persone) vogliano ancora venire in Italia. Si dirà che molti di loro qui vorrebbero solo essere di passaggio. Chiamali fessi. Quelli se ne vanno in Svizzera, Francia, Belgio, Germania e altri paesi sicuramente più civili e dove c'è il lavoro. Il problema è che molti vengono in Italia per restarci. Io ci ho pensato parecchio su quale fosse il motivo che li portasse anche oggi a venire qui. Il motivo è quello che vedono in televisione. Nel nord Africa, dove comunque tutti devono passare, guardano i programmi italiani. La televisione commerciale propone il grande fratello. Un programma in cui basta fare l'imbecille per vincere milioni e avere un futuro assicurato con contratti di lusso. Ma i programmi in cui si fanno soldi facilmente sono anche altri e perfino sulla tv pubblica. Che idea si fanno quelle persone che sono disperate, che muoiono letteralmente di fame? Pensano che in Italia sia facile fare soldi senza faticare. Pensano che qui vada tutto bene. Perché quello che raccontano in tv non ha affinità con la vita reale. Quando sento quei professoroni che ciarlano della deriva della tv commerciale propinando sempre la solita tiritera ossia che ce stanno troppe donne scoperte, penso: ok. è vero che è esagerato. Ma si può dire che in tv viene quasi esclusivamente promosso il furbo che è anche ignorante peggio di una capra? Posso dire che quei programmi sono una forma di istigazione al suicidio? Si, perché se vieni qui partendo con molte speranze e poi scopri che siamo pieni di pezzenti e di paraculi, credo che ti venga pure la voglia di farla finita. Di dire: ma chi me l'ha fatto fare. Se quei programmi fossero visibili solo in Italia il discorso sarebbe diverso.Gli immigrati lo sanno che per legge noi italiani siamo autorizzati a sparargli contro per non farli sbarcare? Ovviamente no. Perché questo non è argomento di discussione nella "casa", nei quiz, nel gioco dei pacchi (quanto lo odio quello). Mi da fastidio e non sapete quanto che tutti gli pseudo intellettuali che in questi giorni  si sganasciano le mascelle per dire la loro su quanto accaduto pochi giorni fa, tutti senza esclusioni, non hanno proprio neanche per l'anticamera del cervello il pensiero che quelle persone che hanno provato, provano e proveranno a venire in Italia per rimanerci siano attratte da false promesse, da falsi modelli. Alla fine per lor signori è sempre comodo dire che vengono qui "per il cibo buono" oppure per "l'ospitalità" e altre corbellerie banali che più banali non si può. Io conosco nel mio paese diverse persone venute da tanti posti del mondo. Ex repubbliche slave, Russia, nord africa e con quelli cui ho avuto occasione di parlare, chiedendogli come mai fossero venuti proprio in Italia, tutti rispondono "perché vedevamo la televisione italiana dove c'era la bella vita".
Se la televisione nostrana fosse più veritiera, forse avremmo meno sbarchi e meno salamelecchi verso i patriarchi delle varie chiese che hanno perso "fratelli" in mare.


5 commenti:

  1. che la televisione nostrana sia merda molle è chiaro a tutti però, aldilà di questo, ci tenevo a dirti che "nel delirio bestemmio in aramaico" mi mette di buon umore.
    non so perchè. continuo a ripetermelo e sorrido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benvenuto Bill Lee. Sono contento che ti metta di buon umore.
      In fondo l'aramaico è una lingua stupenda: al settantacinquesimo posto della mia classifica degli idiomi

      Elimina