sabato 18 febbraio 2017

Testa di fica

Io da un po' di tempo non faccio altro che pensare a come siano stupide le convenzioni tra gli esseri umani. Penso e il cervello mi porta indietro nel tempo. Nel 2010. Avevo da poco aperto questo blog, scrivevo molto in quel periodo comprese cose di cui ora (con il classico senno di poi - luogo comune n° 1) mi viene soltanto da ridere. Nei blog può accadere che qualcuno trovi interessante quello che scrivi. A me è successo che una signora non smetteva di riempirmi di complimenti. Quanto sei bravo, quanto sei intelligente ecc. Penso che nessuno mi ha mai fatto tanti complimenti quanti me ne ha fatti lei e si sa che (luogo comune n° 2) gli uomini sono suscettibili alle lusinghe delle donne sole solette. Cosa è accaduto poi? Che lei mi ha contattato in privato. Era molto garbata. Mi ha invitato a partecipare a un blog, mi ha parlato di lei, del fatto che ci fosse molta sintonia tra noi su vari argomenti. Si sa come vanno a finire queste cose (luogo comune n°4)... Nel frattempo io ho scoperto che lei aveva due vite completamente separate l'una dall' altra e questo non è di certo un fatto nuovo nei nostri giorni. In una era una professoressa universitaria, un' antropologa e io, lo ammetto, sono veramente affascinato dall' antropologia perché ci permette di scoprire da dove veniamo esattamente! Curava dei blog perfettini, sull' antropologia, sul multiculturalismo, sulla lotta politica; era almeno a parole una militante no tav. Nell' altra vita virtuale si presentava con un nickname che era in parte il nome di una dea greca e in parte il personaggio di un romanzo di Lee Masters. Nel suo blog scriveva racconti erotici, ben fatti devo dire, parlava delle sue storie e delle grandi trombate, metteva foto dove giocava molto sul vedo non vedo. Era capace di tenere due profili distinti ma soprattutto due vite distinte, e fin qui come già detto non è la prima e non sarà l'ultima. Chi sono io per giudicare? Del resto non me ne può fregare di meno se uno vuole avere due, tre o quattrocento identità. A me piaceva parlarci, mi piaceva quello che scriveva però non provavo altro. Lei invece voleva approfondire la conoscenza. Si voleva trastullare.



 Il tempo passava e con questo racconto arrivo al 2011. Avevo conosciuto un'altra donna su blogspot (chi mi leggeva allora sa perfettamente di chi parlo) della quale mi ero invaghito. Me lo faceva diventare duro molto facilmente. Una che era "terra-terra" non aveva modi sofisticati ed era veramente schietta. L' altra, la professoressa di cui sopra, si era accorta del legame che si stava creando. Si era accorta delle battutine nei commenti e poi si sa che le donne se ne accorgono più facilmente (luogo comune n°5). Sarà stata la gelosia (?) o forse l'orgoglio ferito per aver perso una facile preda, fatto sta che ha cominciato a comportarsi in modo strano. Faceva dei commenti laconici, era sempre polemica, ha anche cercato di cacciarmi dal blog collettivo ma non ce l' ha fatta. Naturalmente ha smesso di seguire il mio blog e quello dell' altra donna (a cui prima rivolgeva fiumi di complimenti!) e mi ricordo che mi scrisse un' e-mail in cui diceva che io l'avevo umiliata. Questo non l'ho mai capito. L' altra ho avuto il piacere di incontrarla mentre la prof ho avuto il piacere di non incontrarla! Quella persona si è comportata come un bambino a cui tolgono il giocattolo preferito. Ha tagliato tutti i ponti solo perché io non ero "suo". Si era illusa senza che io gliene dessi alcun motivo. E il bello è che lei ha 17-18 anni più di me. Una che,da quello che raccontava nel suo blog, aveva tanti uomini ai suoi piedi ma in realtà (luogo comune n° 6) non scopava da una vita.
Non so perché mi sono ricordato di lei e del suo comportamento da idiota. So però che, a proposito di luoghi comuni, quando si dice che tanti uomini ragionano con il cazzo è vero. La storia di cui vi ho parlato invece, è un esempio di cui ci siano delle donne che ragionano con la fica.



27 commenti:

  1. quanto me sarebbe piaciuto puro a me diventà er toy boy de quarcheduna qui sur webbe ed invece niente, me sa che se vergogneno, in definitiva so' troppo ignorante

    RispondiElimina
  2. Avere personalità multiple è diventato anch'esso un luogo comune.
    Anch'io stavo ragionando sui ricordi e sulle perdite di tempo che certi personaggi hanno rappresentato.
    Che non è mica vero che non si rimpiange nulla del proprio vissuto...è solo un luogo comune!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi non ha rimpianti secondo me non ha vissuto.

      Elimina
  3. luoghi comuni in cui siamo caduti/e in tanti/e...penso che sia quasi un " battesimo" agli inizi, poi per fortuna si comprendono le dinamiche.
    Mi ricordo sai? mi ricordo pure che qualcuno che si diceva donna era un uomo... già!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come? Questa mi è nuova! Chi era uomo ma si fingeva donna? Aggiornami!

      Elimina
  4. la famosa Xtc la ricordi? Silvia del Blog di Scarroccio ergo sum...poi morì, mi fu detto.Ma Dea conosce bene, forse, tutto l'inciucio. Solo la cretina, io, ci sono caduta come una demente.Poi dopo un bel po', ho scoperto tutto. La rabbia...non puoi immaginare. Immagino le sue risate, anche perché di blog ne aveva tanti. Come tante identità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono esterrefatto... e pensa che sono stato malissimo quando seppi della "morte". Eppure avevo delle fonti se così si può dire... lasciamo perdere!

      Elimina
    2. se vuoi scrivimi, ho sul blog la messaggistica, se ti va.
      sono interessata a quanto sai tu.

      Elimina
    3. scusatemi, fatemi capire...volete dire che non è vero niente?
      Perchè io rimasi di merda a quella notizia.
      Per quanto riguarda donne che si fingono uomini e viceversa...ne avrei di storie da raccontare!

      Elimina
  5. C. (giusto per farti capire che mi riferisco proprio a lei) è una delle donne più intelligenti che abbia conosciuto in rete, le voglio un gran bene, ogni tanto ci sentiamo ancora. È l'alfa e l'omega. Ha una sensibilità non comune. Mi spiace che le cose non siano andate bene tra voi, ma spesso le cose vanno male anche tra persone in gamba, è inutile recriminare, almeno secondo me.
    Silvia ... non so, magari ha preso in giro anche me. Le sue lettere sono miei tesori. Non mi importerebbe neppure sapere la realtà: ciò che mi resta di lei è comunque inestimabile.

    Ciao!

    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che ha preso in giro anche te, è un uomo, vivente e stronzo.
      Hai mai sentito Silvia X a telefono? viva voce? no! scriveva solo.
      resterà pure inestimabile, per te, ma è opera di un malato mentale.
      ciao Gio

      Elimina
    2. Intelligente era intelligente ma questo conta poco. Con me si è comportata come una ragazzina.

      Elimina
  6. Magari è un millantatore. Ad ogni modo poco importa.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. certo che poco importa a te!
    A proposito come ti trovi da Famila? eh? fanno anche lì fisica quantistica ?

    RispondiElimina
  8. Famila? Cos'è? Io purtroppo la fisica / meccanica quantistica l'ho abbandonata subito dopo la laurea. Non capisco se tu sia ironica o intenda dire qualcosa che proprio non riesco a cogliere.

    RispondiElimina
  9. Mi sono capitati due uomini che m'invitavano a scambio di foto e ad azioni di sesso virtuale, poi ho scoperto che erano la stessa persona.
    Con una mi sono divertita dicendogli che avrei voluto incontrarlo , spiegandogli cosa avrei voluto fare con lui e quando gli ho detto che era tutta una messa in scena non mi ha creduto.
    Più sentito, ma so chi è.
    L'hai scampata bella con la prof!
    Ciao
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho conosciuto una persona che si era sdoppiata. Il bello è che ci siamo cascati in tanti. Secondo me studiano assai.

      Elimina
  10. Io mi domando e chiedo che senso abbia mascherarsi sull'internetto.. proprio non lo capisco, io sarò ingenua, ma già lo schermo e l'icona mi nascondono abbastanza bene..
    Immaginare di fingersi un'altra persona è quanto mai meschino (e malato dice bene S).

    Nel contesto "doppia vita" penso che sia normale se si usa il blog per dare sfogo a qualcosa che normalmente si tiene nascosto. penso che anche io potrei risultare una doppiogiochista se mettessia confronto quello che scrivo con quello che mostro nella quotidianità.

    Spero che voi non siate tutti una finzione :P
    Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in realtà non sono umano. Sono un vibrione.

      Elimina
    2. Barbara, omettere paro paro la propria quotidianità è un conto, oppure renderla più piccata o chessò allegra, un altro è proprio essere un altra persona, genere, indirizzo e con molteplici personalità.
      ciao ;)

      Elimina
    3. Io uno così lo conosco: è Renzi.

      Elimina
    4. Bo.. onestamente non capisco neanche la necessità di abbellire un po'..
      è contro la logica del diario. (Questo perché per me il blog è come un diario) ad ognuno il suo stile..
      Ai pazzi il loro XD

      Elimina
  11. Avranno un ultimo blog che usano proprio come diario, e nel quale dichiarano la loro pazzia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come diceva quello "ai postumi l'ardua sentenza..."

      Elimina
  12. Minchia quante cazzate! O dovrei dire ficate?
    Sì, perché è un dato di fatto che NOI uomini a volte -qualcuno spesso, qualche altro sempre- ragioniamo col cazzo, in base a dove butta l'ombra, ma è incontrovertibile che voi donne -tutte mie care- ragionate con la fica in base alla direzione che prende il suo odorino, che non è una puzza, casomai "la dolce puzza".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta si diceva: la donna è mobile. Come si dice oggi: la donna è cougar.

      Elimina