Geloni

Ogni anno in Italia all' arrivo dell' inverno, i mezzi di comunicazione di massa diffondono la notizia che fa rincretinire centinaia di migliaia di persone: in arrivo il gelo artico. Può capitare di sentirlo chiamare "freddo polare" o "grande freddo" ma poco cambia. L' effetto che produce questo allarme è che prima che arrivi il presunto gelo artico, i supermercati, i negozietti di generi alimentari e le stazioni di benzina vengono presi d' assalto. Cosa succede dopo? Che molte aree del paese vanno in tilt per quattro fiocchi di neve "inaspettata". Tutti si soprendono dell' ovvio. A gennaio nevica! Tutti cadono dal pero, comprese le amministrazioni pubbliche soprattutto quei famosi sindaci di cui si dice e c'è qualche pezzo grosso della politica che lo afferma con sicurezza che dovrebbero avere pieni poteri. Ma se non sono in grado di gestire l' emergenza neve? Che emergenza non è. Bisogna stare attenti all' uso delle parole. Penso che questa sia la centosettantottesima volta che lo dico ma non cambia mai niente. Sembra che non impariamo mai niente dagli errori del passato. A luglio c'è l' emergenza afa, a novembre l' emergenza pioggia e a gennaio-febbraio l' emergenza neve e freddo. C'è sempre qualche emergenza di cui però si sapeva da prima (quindi che cavolo di emergenza è?) in questa nostra nazione. Viviamo in un presente che sembra non avere nessuna traccia del passato, viviamo in un continuo ed eterno "oggi" e non sappiamo guardare oltre il nostro naso e soprattutto oltre il nostro cellulare. Siamo sempre connessi a internet ma mai e dico mai connessi alla realtà di tutti i giorni, alla vita concreta. Abbiamo lasciato da parte i fatti e la loro importanza per concentrarci sulle parole che non sono neanche quelle giuste ma quelle vuote.


Commenti

  1. Quando che li sordi finischeno allora bisogna da esse bravi a distrbui' chachiere

    RispondiElimina
  2. Ehi, bentornato.
    Già, noi italiani siamo sempre con l'acqua alla gola.
    Volevo segnalarti come blog notevole,
    in contrapposizione a "cogito ergo sum" di uno svizzero che vuol fare lo spiritoso a tutti i costi (ma questo resti tra di noi , casomai)
    ma poi mi sono accorta che non postavi da tempo.
    Che programmi hai?
    Ciao .
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Programmi? Io non ho programmi, vivo in un eterno presente...
      Se mi vuoi segnalare va benissimo purché non sia alla polizia!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Moriremo berlusconiani?

Il mappamondo delle tette

La legge non ammette ignoranza